La fabbrica di Casier che da 70 anni stampa le schede elettorali

La fabbrica che da 70 anni stampa le schede elettorali. «Repubblica o monarchia? Noi c'eravamo...»

di Elena Filini

CASIER - Nel 1946, quando si trattò di portare tutta l'Italia alle urne, incluse (per la prima volta) le donne, loro c'erano. E in quel torrido fine maggio stamparono le schede del Referendum del 2 giugno: monarchia o repubblica. Notti di lavoro, grafici, stampatori, e 100 signore a piegare a mano le preziose schede elettorali. Oggi è tutto automatizzato: due mastodontiche macchine da stampa giapponesi e dieci dipendenti. Per un lavoro di circa una settimana. Il prezzo a scheda? Irrisorio: circa 0,02 centesimi. Ma poi c'è la piega, il conteggio certosino, lo stoccaggio e l'arrivo a destinazione. Se però realizzare i 4 milioni 700 mila schede per il referendum consultivo sull'autonomia del Veneto non è un gioco da ragazzi, poco ci manca. 

SETTANTA
Alla Sit di Dosson di Casier si è fatta la storia dell'Italia democratica: da 70 anni alla Società Industrie Tipolitografiche si stampa la modulistica elettorale per mezzo Belpaese. Europa inclusa. «Ma oggi le consultazioni sono diventate una rarità», allarga le braccia Daniele Grillo, architetto e presidente di Sit. Non come ai bei vecchi tempi della Democrazia Cristiana, quando ogni 3 o 4 mesi gli italiani erano chiamati a votare. Per stare a galla, quindi, bisogna differenziare...

 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 21 Ottobre 2017, 09:43






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
La fabbrica di Casier che da 70 anni stampa le schede elettorali
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
2017-10-23 11:42:54
e capita che, dopo settant'anni, stavolta abbiano sbagliato la stampa...
2017-10-21 12:27:24
certo che chiamare "fabbrica" una tipografia...
2017-10-21 18:57:21
Tazi, manco quello sapete fare giù, a parte stampare moneta falsa!
2017-10-21 10:05:23
Bei tempi per tutti quelli della DC mi riferisco ai primi, dove nonostante il frequente ricorso alle urne, l'Italia è risorta dal nulla fino a diventare una potenza indusriele. Im seguito... lasciamo perdere.
2017-10-21 18:58:32
Il Nord è diventato una potenza industriale, voi una potenza nel malaffare.