Ex caserma Zanusso, riprendono gli arrivi di richiedenti asilo. Il sindaco: «Non ne sapevo niente»

Sabato 3 Settembre 2022 di Annalisa Fregonese
l'arrivo dei migranti all'ex caserma Zanusso

ODERZO - Un nuovo gruppo di richiedenti asilo ha fatto il suo ingresso ieri, un po' prima delle 14, all'ex caserma Zanusso, dove si trova il centro di accoglienza straordinaria. Erano parecchi mesi che non si registravano nuovi arrivi. Ieri un pulmino, arrivando dalla direzione di Cessalto lungo la strada provinciale di Piavon, è entrato dall'ingresso principale. A bordo una dozzina di migranti. Il cancello si è aperto veloce ed il pulmino è entrato svelto: il tutto nel giro di un minuto. Si riaccendono i riflettori sul centro di accoglienza per i migranti, sul quale da mesi ormai aleggiava calma piatta. C'è stato il passaggio di consegne fra il precedente gestore, la società Nova Facility e l'attuale, la cooperativa Officine Sociali di Siracusa. Per questa realtà siciliana quello di Oderzo è il primo incarico nel nord Italia; hanno vinto il bando emesso dalla prefettura, con il lavoro assegnato a novembre 2021. Da molti mesi alla Zanusso non si registravano nuovi arrivi, tant'è che nel tempo il numero di migranti presente è andato lentamente diminuendo, passando dagli oltre 400 dei primi anni a circa 150 persone di qualche settimana fa.


L'AMMINISTRAZIONE
La sindaca Maria Scardellato non era a conoscenza dell'arrivo di questo nuovo gruppo; del resto il centro di accoglienza non è di competenza del Comune, bensì fa capo alla prefettura. «Non sono a conoscenza di nuovi arrivi dice la sindaca Maria Scardellato - Devo sentire il prefetto. Il quale tempo fa mi aveva detto che non c'erano nuovi arrivi ma che non ne escludeva qualcuno di sporadico». La sindaca precisa inoltre che la prefetta Maria Rosaria Laganà, già in servizio a Treviso ora a Brescia, le aveva sempre detto che non ci sarebbe stato nessun arrivo ulteriore. «Il nuovo prefetto (Angelo Sidoti, a Treviso da gennaio) la prima volta che l'ho sentito, mi ha detto che non c'erano stati nuovi arrivi fino a quel momento ma appunto che non escludeva che potessero arrivarne degli altri».


L'OPPOSIZIONE
«Non so di questi arrivi - dice Sandro Martin, capogruppo della minoranza consiliare OderzoBeneComune -. Tuttavia ritengo questa sia l'occasione per chiedere alla prefettura ed al gestore che i migranti osservino maggiormente le regole della civile convivenza. Più d'un opitergino mi ha segnalato di abbandono di rifiuti e bottiglie. Finché non troveranno un'occupazione, queste giovani forze potrebbero essere impiegate per migliorare l'ambito della caserma stessa. A iniziare dalla recinzione che più volte è stata divelta e riparata a spese del Comune». Una buona porzione della Zanusso è di proprietà del Comune, che intende trasformarla nella cittadella dello sport e delle associazione tramite un project financing. «Avevamo lasciato tutto un po' in stand by perché gli uffici erano stra impegnati con tutti i progetti del Pnrr. Però adesso intendiamo riprendere in mano il discorso» chiosa la sindaca.

 

Ultimo aggiornamento: 4 Settembre, 07:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci