Kickboxing, la trevigiana Luna Mendy conquista l'oro: «Devo ancora metabolizzare, sono felicissima»

Domenica 27 Novembre 2022 di Brando Fioravanzi
Kickboxing, la trevigiana Luna Mendy conquista l'oro: «Devo ancora metabolizzare, sono felicissima»

TREVISO - È di 10 ori, 8 argenti e 13 bronzi il bottino con cui la Nazionale italiana di kickboxing è tornata a casa dall’Europeo Wako 2022 di Antalya, in Turchia. Il colore azzurro ha dominato sul podio del medagliere continentale con un terzo posto complessivo che ha riempito d’orgoglio tutta la macchina organizzativa della Federkombat presente alla kermesse con una delegazione importante e di grandissima qualità tecnica ed agonistica. Tra loro anche la 26enne trevigiana Luna Mendy che ha finalmente raggiunto un oro senior a lungo rincorso nella categoria Light Contact -60kg.

La nuova campionessa europea ha avuto un percorso di gara netto sul tatami, e senza appello per le avversarie, battendo in serie la slovacca Michaela Goralczykova (3-0), l’ungherese Rita Nagy (3-0), l’olandese Sam Delrock (3-0) ed in finale la slovena Urska Gazvoda (3-0). «Devo ancora metabolizzare questo oro, ma sono davvero molto soddisfatta di aver ottenuto questo grande risultato. Dopo una serie infinita di podi sono infatti finalmente riuscita a vincere il titolo europeo tra i senior, raggiungendo così l’obiettivo di base che era la qualificazione per l’accesso al Mondiale dei Kombat Games 2023 e ai prossimi Giochi Olimpici Europei del 2023 in Polonia dove per la prima volta in assoluto è stata inserita anche la kickboxing – racconta la 26enne della Federkombat - Mi fa quindi molto piacere partecipare ad un pezzo di storia del nostro sport».

L’avvicinamento all’Europeo 2022 non è però stato tra i più semplici per Mendy, nonostante la vittoria del sesto titolo italiano nel light contact (dopo tre anni di assenza) ottenuto lo scorso maggio al PalaInvent di Jesolo dopo aver vinto in città anche il Criterium 2022 nel mese di aprile. Prima il trasferimento a Lione (Francia) per motivi di lavoro, con tanto di temporanea deviazione di specialità verso il taekwondo e la boxe, e poi un fastidioso infortunio alla spalla poche settimane prima della competizione continentale ne avevano minato un po’ la fiducia.

«Le ultime settimane di preparazione sono state davvero difficili, soprattutto a causa di un infortunio alla spalla purtroppo sottovalutato durante l’estate e che per questo ha messo in dubbio la mia partecipazione fino all’ultimo. Inoltre, nonostante l’atterraggio in Turchia non pensavo che l’articolazione avrebbe poi retto così bene – sottolinea Mendy che in bacheca vanta anche due bronzi agli European Universities Combat Championship di Zagabria 2019 (nel light contact e nel point fighting nei -65kg.) - Devo quindi davvero ringraziare ì fisioterapisti del Kine che mi hanno seguito ogni giorno prima della partenza e Marcella Bounous che mi ha seguito per la parte mentale per superare positivamente le difficoltà. Un sentito ringraziamento va poi anche ai miei coach storici Marco Ferrarese e Michele Surian che mi hanno seguito a distanza in questi mesi». Tra i primi a congratularsi con lei la ASD Auxe Polisportiva Zero Branco per la quale gareggia: «All’Europeo Luna è stata seguita all'angolo dal nostro caposcuola Auxe Michele Surian, DT nazionale, e dal collega Manuel Nordio. A lei vanno dunque i nostri più sentiti complimenti. Non solo per il suo splendido risultato, ma anche per i sacrifici e per l’impegno che lo hanno preceduto».

Ultimo aggiornamento: 11:55 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci