Domenica 4 Novembre 2018, 12:23

Treviso e Vicenza paradisi delle escort: dove sono e quanto costano

PER APPROFONDIRE: escort, veneto
​Treviso e Vicenza paradisi delle escort: dove sono e quanto costano

di Gabriele Pipia

PADOVA - Ha tra i 45 e i 64 anni, spende 110 euro per una prestazione di un'ora e cerca soprattutto donne italiane e sudamericane. Parliamo di sesso a pagamento: il Veneto è una delle regioni più viziose d'Italia e questo è l'identikit più diffuso tra i clienti delle squillo. La fotografia emerge dalle statistiche del portale escort-advisor.com, una sorta di Tripadvisor in chiave erotica che verifica e raggruppa tutti gli annunci pubblicati nei principali siti dedicati. «In Italia la provincia benestante si è sempre dimostrata molto vivace da questo punto di vista e le città venete ne sono la perfetta dimostrazione» osserva Mike Morra, fondatore del primo sito per recensioni di escort in Europa, che conta mediamente oltre un milione e mezzo di utenti al mese.

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Treviso e Vicenza paradisi delle escort: dove sono e quanto costano
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 31 commenti presenti
2018-11-06 10:39:23
Legalizziamo il lavoro più antico del mondo, tassiamolo e risaniamo il Paese.
2018-11-06 07:57:35
Non avevo dubbi fosse il Veneto.Gente che va a messa e si sposa in chiesa,battezzai bambini e fa al carità.Dopodichè si trasformano. Non dico lo facciano tutti ma mi risulta siano molti. perchè non vengono riaperte le case chiuse?
2018-11-06 13:24:01
Voi avete lo sport del malaffare e dell’inefficienza, da voi la mafia uccide poi va a messa o fa inchinare madonne e santi al boss del luogo. Meglio una visita a una signora compiacente che ammazzare il prossimo. Altri usi, altre abitudini.
2018-11-05 21:40:51
Certo che se pensiamo che la pescivendola, la panettiera, l'affittacamere, l'architetto non rilasciano lo scontrino o la ricevuta o la fattura apriti cielo, mentre queste vendono la propria mercanzia addirittura facendosi pubblicità in Internet e tutto in nero...
2018-11-05 17:16:41
Sarebbe anche ora di legalizzare il mercato e mettere in regola con il fisco e con la previdenza le "signore". Il "decreto dignità" poteva essere una buona occasione.