Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Siccità in agricoltura, i costi lievitati del 50%: «Mais e soia a serio rischio se non piove»

Sabato 25 Giugno 2022 di Brando Fioravanzi
Valerio Nadal Condifesa su siccità e agricoltura

TREVISO - Il grande caldo di questi giorni ha già presentato un primo “conto” salatissimo agli agricoltori della Marca visto che, di media, le imprese avranno incrementi di costi tra il 15 ed il 50% a causa dell’aumento dell’uso della manodopera e del gasolio usato in agricoltura. Questo quanto emerge da uno studio elaborato da Condifesa TVB, il Consorzio che tutela dalle avversità circa 20mila imprese trevigiane, che ha valutato le ripercussioni di questo caldo torrido nei prodotti della terra. «Il frumento e l’orzo che si stanno raccogliendo, nonostante le scarse precipitazioni, sono arrivati a maturazione con rese e qualità soddisfacenti - spiega il presidente di Condifesa TVB, Valerio Nadal - Per soia e mais la situazione è però diversa perché servono costanti interventi irrigui. E se dovesse ridursi la disponibilità idrica si determinerebbe una perdita anche totale del raccolto con la morte della coltura».

Preoccupazione anche per l'imminente vendemmia

E in tutta questa situazione alla vendemmia mancano due mesi o poco più. «Il vigneto non muore, ma se non ci sarà la possibilità di irrigare in termini qualitativi e quantitativi si registreranno grosse perdite» conclude Nadal. Sulla questione è poi intervenuto anche il direttore Filippo Codato: «In un quadro meteo climatico dove si registrano scarse precipitazioni, siamo ad un meno 50% rispetto alle medie storiche. Le uniche accortezze in agricoltura, dunque, sono l’applicazione delle buone pratiche agricole, tra cui la scelta di varietà e dei porta-innesti che possono essere più efficienti nell’utilizzare la poca acqua disponibile anche per il futuro».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci