Grappa nella morsa della siccità l'acqua arriva con le autobotti

Venerdì 22 Luglio 2022 di Gabriele Zanchin
L'acqua nel massiccio del grappa arriva con le autobotti

MONTE GRAPPA - Un lavoro vitale per tenere vivo il Massiccio del Grappa che a causa della siccità sta soffrendo come non mai.... E' quello che stanno facendo i volontari della Protezione Civile-Avab (antincendi boschivi) della Pedemontana del Grappa diretti da Ferruccio Perocco che con un lavoro ecomiabile fatto di passione, spirito di sacrifico e grande senso civico, continuano a rifornire di acqua le malghe, gli agriturismi e le attività che sono aperte sul Massiccio del Grappa.


LO SFORZO

Un lavoro che sta andando avanti da due mesi ma che nelle ultime settimane ha subito un'accelerazione proprio a causa delle altissime temperature e il perdurare dell'assenza di pioggia che mette in estrema difficoltà il territorio carsico proprio del Massiccio. E per far capire ancor di più la delicatezza del momento, ci affidiamo proprio ai numeri forniti dai volontari dell'Avab. Specie nelle ultime due settimane i volontari con i loro mezzi e cioè autobotti, hanno effettuato ben 59 rifornimenti a rifugi, malghe, aree disagiate del Massiccio del Grappa e in particolare nei comuni di Romano d'Ezzelino, Borso, Pieve, Possagno, Cavaso del Tomba, Pederobba, Valdobbiadene, Alano di Piave, Quero, Vas, Miane, Segusino. «In pratica una media di 4 viaggi al giorno dal mattino alla sera-spiegano dall'Avab- con trenta e più destinazioni sul Massiccio del Grappa».


I NUMERI

Per dare un'idea della quantità di lavoro eseguito basti pensare che sono stati impiegati ben 236 volontari che sono dislocati in tutto il territorio della Pedemontana trevigiana e che hanno lavorato gratuitamente ben 472 ore. Ed un dato ancor più importante perché spiega meglio di qualsiasi altro discorso la crisi d'acqua che c'è in questo momento sul Massiccio e sulla richiesta incessante, i volontari nelle ultime due settimane di luglio hanno trasportato ben 649 mila litri d'acqua pari ad 11 mila litri a viaggio. Il tutto grazie all'accordo strategico di collaborazione siglato con il Consorzio Schievenin che fornisce l'acqua alle autobotti dei volontari. «Purtroppo senza acqua non c'è vita. Per quanto ci riguarda stiamo facendo il possibile per garantire la continuità degli alpeggi e delle attività economiche dei nostri amati monti». 

Ultimo aggiornamento: 17:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci