Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

«Troppi eccessi tra i ragazzi», scende in campo la task force dell'Usl con 35 psicologi

Martedì 7 Giugno 2022 di Mauro Favaro
Giovani e disagio

TREVISO - Una nuova task force di psicologi per arginare il fenomeno delle baby-gang. L'Usl della Marca prova a correre ai ripari reclutando almeno 35 professionisti. Praticamente il doppio rispetto al piano di inizio anno. L'auspicio è che possano entrare in servizio prima della fine dell'estate. «Il concorso è partito. Come azienda sanitaria trevigiana puntiamo ad assumere anche più di 35 psicologi spiega il direttore generale Francesco Benazzi saranno collocati nelle aree dove stanno emergendo più difficoltà».

L'ALLARME
Le risse tra giovani ormai si stanno moltiplicando. L'ultima è scoppiata venerdì sera in piazza Medaglie d'Oro a Vittorio Veneto, dove un 22enne di origini nordafricane è stato aggredito dalla compagnia della sua ex fidanzata. E pochi giorni prima c'erano state altre due risse, tra Spresiano e Castelfranco, per un totale di 7 persone finite all'ospedale con ferite d'arma da taglio. Episodi che hanno visto coinvolti diversi ragazzi stranieri. Ma non solo. Davanti a questo quadro, l'azienda sanitaria si concentra sulla prevenzione contro l'aggressività e la violenza. Gli oltre due anni di emergenza Covid hanno segnato nel profondo i giovani. Non è una scusante. Per l'Usl è un punto di partenza. «Il problema giovanile esiste sottolinea Benazzi senza giri di parole da parte nostra tendiamo a impegnare sempre più psicologi all'interno dei consultori familiari e dei servizi legati al Serd per le dipendenze. L'obiettivo è dare una risposta aiutando le forze dell'ordine e i Comuni nel contrasto a queste forme estreme di partecipazione dei giovani». L'onda lunga delle restrizioni legate al coronavirus si stanno facendo sentire. Anche più che nell'immediato. «Mi preoccupano gli eccessi fa il punto il direttore generale possiamo decidere di divertirci, di stare assieme e di fare gruppo senza bisogno di abusare, ad esempio per quanto riguarda l'alcol, le sostanze e le reazioni violente, che non servono. Il fulcro è proprio questo: dobbiamo combattere l'eccesso».

IL RECLUTAMENTO
Nasce da qui la ricerca dei nuovi psicologi. Inizialmente erano state previste 18 assunzioni. Ora il numero è praticamente raddoppiato. Il piano dell'Usl è già stato vagliato dalla Crite, la commissione regionale per gli investimenti. Adesso non resta che attendere i risultati del concorso. «Abbiamo chiesto più psicologi. La Crite ci ha autorizzato degli extra turn over, quindi professionisti aggiuntivi specifica Benazzi perché ci sono diversi fronti sui quali intervenire. C'è il nodo dei giovani, così come è necessario affrontare con gli psicologi il tema dell'Alzheimer è quello riguardante il dipartimento di Salute mentale». Quest'ultimo ha visto aumentare le richieste. Allo stesso tempo, però, a causa della carenza di camici bianchi non si riesce ad assumere nuovi psichiatri. «Gli psicoterapeuti ci potranno aiutare apre il direttore generale gli psicologi in più, rispetto alla previsione iniziale, servono proprio per andare a potenziare questi filoni. Cominceremo ad assumere non appena verrà pubblicata la graduatoria del concorso di Azienda Zero».

Nel frattempo è stato definito il piano ferie per i dipendenti dell'Usl. Si prova a respirare dopo oltre due anni di emergenza Covid. Nei mesi estivi le attività degli ospedali verranno ridotte tra il 10 e il 20%. Mentre gli interventi chirurgici verranno leggermente ridotti solamente in agosto (non più da giugno a settembre). «Ringrazio i nostri lavoratori perché si stanno facendo in quattro per evitare criticità conclude Benazzi abbiamo carenza di personale perché non troviamo specialisti. E alcuni infermieri, pur essendoci una graduatoria, li lasciamo giustamente alle case di riposo. Ma garantiremo i 15 giorni di ferie per tutti i nostri collaboratori. Ci sarà qualche riduzione di posto letto nelle aree mediche, come sempre. L'attività chirurgica, invece, verrà ridotta in modo minimo solo in agosto, così da continuare il recupero delle liste d'attesa. Cerchiamo di stringere i denti per garantire comunque tutti i servizi».

 

Ultimo aggiornamento: 8 Giugno, 08:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci