La scelta di Fabio Caramel, il calciatore ha donato il midollo e ha salvato la vita a una donna

Sabato 27 Novembre 2021 di Carlo Malvestio
La scelta di Fabio Caramel, il calciatore ha donato il midollo e ha salvato la vita a una donna
1

MOGLIANO VENETO - Fare dell'altruismo e della sensibilità una ragione di vita. Fabio Caramel, calciatore dell'Union Pro, oltre che per le sue ottime doti di difensore, si è fatto conoscere per uno splendido lato umano. Classe 1992 e nato a Marcon (Venezia), Fabio ha infatti ricevuto il Premio Fairplay 2021 della Città di Mestre per un gesto che risale al febbraio 2018 ma che continua ad essere ricordato e preso ad esempio. Al tempo giocava con lo Spinea, in piena lotta per la vittoria del campionato, quando decise di saltare la partita di Promozione contro l'Arcella per andare a donare il midollo osseo a una signora colpita da leucemia.

Calciatore dona il midollo: come è andata


Il gesto non era passato inosservato, nemmeno a livello nazionale, tanto che in questi giorni Fabio ha ricevuto dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella l'onorificenza al Merito: «È bello che questo gesto venga ancora ricordato -spiega Fabio- Molti lo hanno considerato straordinario, ma in realtà per me è stato normale e istintivo. Sono contento di quello che ho fatto e di promuovere le attività che Admo (Associazione donatori di midollo osseo, ndr) svolge. Semmai sono un po' imbarazzato perché ci sono tante altre persone che hanno donato e donano, ma che vivono nel silenzio. Quindi mi sento di rappresentarle un po' tutte». La bontà d'animo di Fabio è stata ripagata l'anno scorso, quando con lo Spinea, con la fascia di capitano al braccio, ha vinto il campionato d'Eccellenza portando la formazione veneziana in Serie D. Da quest'estate, però, ha sposato la causa dell'Union Pro, ma il calcio è solo una delle sue attività, dal momento che è molto impegnato nel sociale come presidente dell'associazione Uguale di Marcon, un'organizzazione di volontariato che organizza eventi e attività con l'obiettivo di realizzare una vera inclusione sociale di persone con disabilità. «La missione dell'associazione è quella di garantire a tutte le persone le stesse opportunità indipendentemente dal grado di disabilità -racconta ancora Fabio- L'ho fondata con due amici ormai 5 anni fa, e in questo periodo grazie al nostro crowdfunding, abbiamo raccolto più di 20mila euro per finanziare undici progetti. Entro fine anno saremo in grado di aprire UgualeLand, il primo parco giochi nel comune di Venezia accessibile a tutti i bambini, che potranno giocare e divertirsi assieme. La promozione con lo Spinea, la donazione del midollo e la fondazione di Uguale è il mio personale triplete, e me lo tengo stretto». Anche il presidente della Regione Veneto Luca Zaia ha voluto complimentarsi pubblicamente con il 29enne di Marcon: «Il miglior campione di calcio gioca in Veneto -ha scritto sui suoi profili social- Fabio ha segnato un goal meraviglioso che non è entrato in una porta, ma nel cuore: ha donato il midollo osseo a una donna affetta da leucemia, rinunciando a disputare una partita fondamentale della sua squadra. La compatibilità è un evento raro, con una probabilità di uno su 100.000, ma non appena lo hanno chiamato è corso a salvare una vita. Grandissimo Fabio».

Ultimo aggiornamento: 28 Novembre, 10:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA