Le ultime ore di Sofiya: un gelato, quello scontrino sbagliato e l'auto

Giovedì 28 Dicembre 2017 di Alberto Beltrame
Sofiya e Pascal
24

CORNUDA - L'ultima tessera inserita nel giallo sulla morte di Sofiya Melnyk, la 43enne interprete ucraina di Cornuda ritrovata cadavere la vigilia di Natale tra i tornanti del Grappa, ad oltre un mese dalla sua scomparsa, è quella di un gelato mangiato assieme al compagno ​e unico sospettato del delitto, Pascal Daniel Albanese, a Onigo di Pederobba, poco prima di sparire nel nulla.

LEGGI ANCHE «Per Pascal Sofiya lasciò il primo marito ucraino, lui la conquistò dicendole sempre sì»

La data cruciale è quella del 15 novembre. Tutto accade in poche ore. I due escono con la Renault Megane della donna. È Pascal a confermarlo ai carabinieri due giorni dopo, quando viene convocato in caserma assieme alle amiche e ai due amanti della 43enne. Il geologo è venuto su dall'Emilia e ha denunciato la scomparsa di Sofiya. Pascal afferma che avevano deciso di andare a mangiare un gelato, ma indica un bar sbagliato, dalle parti di Cornuda. C'è uno scontrino, emesso alle 17.30, che li colloca alla gelateria di Onigo di Pederobba. E poi l'immagine di una telecamera che riprende l'auto di Sofiya, attorno alle 18.30, diretta verso il Monte Grappa. Poche ore dopo la bella 43enne, secondo gli investigatori, è già morta. Alle 20.19 dal suo cellulare parte un messaggio. È per l'amato medico, al quale disdice l'appuntamento a cena per la sera stessa: «Devo vedere un'amica che è in crisi. Bacioni». A scriverlo non sarebbe stata lei. «Non avrebbe mai usato quel termine: bacioni» spiegano le amiche agli investigatori...
 
 

Ultimo aggiornamento: 29 Dicembre, 12:54 © RIPRODUZIONE RISERVATA