A Mogliano chiude per Covid un'intera scuola. E in tutta la provincia il virus è entrato in 198 classi

Martedì 23 Novembre 2021 di Mauro Favaro
A Mogliano chiude per Covid un'intera scuola. E in tutta la provincia ill virus è entrato in 198 classi
4

MOGLIANO VENETO - C'è la prima scuola chiusa per Covid. Oggi l'elementare Valeri di Mogliano non accoglierà i propri 114 alunni. I contagi da coronavirus hanno fatto scattare la quarantena per 4 classi su 5. E l'unica non costretta all'isolamento deve comunque attendere l'esito dello screening eseguito in via precauzionale. «Oggi nessuno andrà a scuola confermano dall'Usl della Marca gli alunni della sola sezione che non è in quarantena sono stati comunque sottoposti a tampone, per massima prudenza, dato che tra loro ci sono familiari e contatti di bambini delle altre classi». Il servizio Igiene e sanità pubblica dell'Usl non ha formalmente chiuso la Valeri, che sorge in via Ragusa. Ma fino a quando non arriveranno i risultati dei test in questione, attesi nelle prossime ore, non c'è di fatto nessuno che può tornare sui banchi. Tanto che l'istituto comprensivo Minerbi ha già chiesto al Comune di Mogliano la temporanea sospensione dei servizi accessori. «Cioè scuolabus e mensa spiega Martina Cocito, assessore all'istruzione ci auguriamo che non emergano altre positività e che i ragazzi possano tornare a frequentare il prima possibile».


I NUMERI

Tre delle classi in isolamento dovrebbero terminare la quarantena verso la fine della settimana. L'orizzonte ora è questo. A livello provinciale, intanto, i contagi non si fermano. Il tasso meglio è salito a quota 205 casi per 100mila abitanti. A trainare le positività sono appunto le scuole e le squadre sportive. L'andamento è chiaro: un terzo dei 3.101 trevigiani attualmente positivi ha meno di vent'anni. Ad oggi il Covid è complessivamente entrato in 198 classi della Marca: 68 sono in quarantena e 130 sotto monitoraggio. «Una marea commenta Francesco Benazzi, direttore generale dell'azienda sanitaria con questi numeri è inevitabile arrivare a valutare la chiusura di alcune scuole, in caso di necessità». A conti fatti, al momento nella Marca ci sono oltre 1.300 studenti ancora costretti a seguire le lezioni attraverso la didattica a distanza. In più, parallelamente, è scattata la quarantena anche per 24 squadre sportive giovanili. «Qui sono emersi in media due o tre contagi per squadra rivela Benazzi il punto è che questa situazione si ripercuote a cascata sulle classi frequentate dagli stessi ragazzi. Un cane che si morde la coda».


L'ASILO

Ma nemmeno i più piccoli sono al riparo. Tra le scuole più in difficoltà c'è anche l'asilo statale Collodi dell'istituto comprensivo di Villorba: metà delle classi della materna, 3 su 6, è in quarantena. In questo caso i piccoli alunni delle tre sezioni sono stati messi in isolamento domiciliare in via precauzionale dopo la conferma che uno degli insegnanti è risultato positivo al coronavirus. Al momento, comunque, è stata scongiurata la chiusura dell'intero plesso di via della Libertà, a due passi dal municipio. «Ci sono tre classi in quarantena conferma Michelangelo Guarnieri, preside dell'istituto comprensivo di Villorba ma non si rileva nulla di anomalo». Proprio ieri, poi, è iniziato l'isolamento anche per una classe del quinto anno dell'elementare Fermi di Sant'Alberto di Zero Branco. Si andrà avanti con la didattica a distanza. «Fino a quando il servizio Igiene e sanità pubblica non comunicherà la ripresa delle attività didattiche in presenza», spiegano dall'istituto comprensivo guidato dalla preside Maria Francesca Dileo. Sul piano generale, un aiuto potrebbe arrivare dalle nuove linee guida che prevedono tamponi più veloci e la quarantena solo per i non vaccinati. (mf)

Ultimo aggiornamento: 19:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA