Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Scoppia focolaio dopo festa di ventenni a Jesolo. Nel Vittoriese positivo bimbo di 4 anni al centro estivo: 60 famiglie in quarantena

Sabato 10 Luglio 2021 di Redazione Web
Un tampone molecolare in foto di repertorio

TREVISO -  Focolaio Covid dopo una festa privata tra ventenni. E un caso di positività è stato riscontrato in un bambino di appena 4 anni, che partecipava ad un centro estivo: nella Marca torna l'incubo Covid.

Galeotta la festa

L'incontro dei ventenni, una cinquantina di persone, si è svolto a Jesolo, dove dopo la festa il 6 luglio scorso sono stati individuati 13 casi di positività, 9 dei quali già confermati dal tampone molecolare. Alla festa avevano partecipato 46 ragazzi: gli operatori della Ulss trevigiana stanno contattando tutti per l’effettuazione del tampone e la comunicazione della quarantena. Alcuni dei partecipanti all’evento di Jesolo erano stati, due giorni prima, anche ad una festa di compleanno in un noto locale trevigiano: tra loro finora, comunica una nota dell'Ulss, sono emerse altre due positività ma è tuttora in corso il contact tracing per ricostruire l’intera catena dei possibili contagi. Stando alle dichiarazioni di alcuni dei giovani risultati positivi, altri di loro avrebbero partecipato anche a altri meeting festosi nei giorni scorsi, oltre che a un torneo di calcio. L'attività di tracciamento si presenta dunque piuttosto complessa.

«Regole non rispettate»

«Si è verificato quello che purtroppo temevamo – sottolinea il direttore generale, Francesco Benazzi -. Gli eventi nei quali si ritrovano molte persone, non vaccinate, che non rispettano il distanziamento e non indossano la mascherina, anche se all’aperto, si stanno rivelando, purtroppo, fonte di contagio. Rinnovo il mio invito a tutti, ma in particolare in questa fase ai giovani, a vaccinarsi prima possibile e a rispettare le regole. Domani c’è la finale dell’Italia: lancio a tutti un appello. Tifate, ed esultate, ma nel massimo rispetto delle regole per proteggere voi e che vi sta intorno”.

60 famiglie in quarantena

Nel Vittoriese è emersa, invece, la positività di un bambino di 4 anni. Il piccolo partecipava a un centro estivo con altri 60 bimbi. I bambini e i famigliari, così come gli operatori del centro estivo e le persone che hanno avuto contatti stretti, saranno sottoposti a tampone e quarantena.

Ultimo aggiornamento: 11 Luglio, 08:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci