Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

«Contributo di 5.000 euro per le elezioni politiche»: la rabbia dei consiglieri regionali della Lega

Lunedì 1 Agosto 2022 di Angela Pederiva
Pontida raduno della Lega
16

VENEZIA - Un contributo di 5.000 euro dai consiglieri regionali della Lega per finanziare la campagna elettorale delle Politiche. È la richiesta partita a metà della scorsa settimana dalla sede federale di via Bellerio a Milano, indirizzata ai capigruppo del partito nei vari territori, tra cui Mauro Bordin per il Friuli Venezia Giulia e Giuseppe Pan per il Veneto. Un'iniziativa senza precedenti (e senza preavviso, ma già con tanto di specificazione Iban) che ha indispettito non poco i leghisti, i quali a Trieste si sono riuniti giovedì e a Venezia si incontreranno domani.

CHIAMATA
Secondo quanto è trapelato, l'esigenza di un supporto economico alle elezioni per il rinnovo del Parlamento è stata rappresentata attraverso la telefonata di una segretaria, che ha chiamato i presidenti dei vari gruppi regionali della Lega. Curiosità: in Friuli Venezia Giulia il raggruppamento è unitario, guidato appunto da Bordin. Invece in Veneto la situazione è più complessa, tant'è vero che è stato contattato Pan come capo della formazione Liga Veneta per Salvini Premier, ma com'è noto la maggior parte dei leghisti a Palazzo Ferro Fini è tecnicamente iscritta a Zaia Presidente, il cui speaker Alberto Villanova è anche il portavoce dell'intergruppo Lega - Liga Veneta. Questa denominazione era stata assunta lo scorso anno sul piano politico e comunicativo (ma non formale, così da poter mantenere ambedue le strutture, con i relativi spazi e addetti), allo scopo di limare le differenze tra salviniani e zaiani.

SOMMA
Pare però di capire che tutti i consiglieri regionali veneti di fede leghista, indipendentemente dalla lista di appartenenza, debbano sentirsi chiamati a sostenere la causa. Quindi sicuramente i 13 della Lega e i 18 di Zaia Presidente, ma probabilmente anche i 2 confluiti per ragioni tattiche nel Misto e l'unico componente di Veneta Autonomia, dato che comunque tutti i 34 compongono un esercito abituato a marciare in maniera unitaria dentro e fuori dall'aula. Messa così, l'iniezione di liquidità prevista in Veneto raggiungerebbe i 170.000 euro, che sommati agli 80.000 attesi dai 16 esponenti in Friuli Venezia Giulia, porterebbero a quota 250.000 euro la somma contabilizzata a Nordest. Una cifra relativamente considerevole, in tempi in cui le casse dei partiti sono alimentate soprattutto dai versamenti dei propri eletti, superiori alle contribuzioni dei cittadini attraverso il 2 per mille dell'Irpef.

FORMA E SOSTANZA
Tanto a Venezia quanto a Trieste, però, la sollecitazione arrivata da Milano ha causato un notevole malumore sia per il metodo che nel merito. Sul piano della forma, i consiglieri regionali non avrebbero apprezzato il fatto di essere venuti a conoscenza di questa necessità quasi per caso, attraverso il passaparola determinato dalla telefonata ai capigruppo, oltretutto effettuata dagli uffici della Lega senza alcun preventivo confronto politico sul tema. L'irritazione sarebbe poi ancora maggiore sotto il profilo della sostanza, come emerge dagli sfoghi interni di questi giorni, in cui vengono sottolineati due aspetti. Il primo: gli eletti nelle Regioni all'epoca si sono pagati la campagna elettorale due volte, sia sostenendo il partito (versandogli all'inserimento in lista 3.000 euro i debuttanti e 10.000 euro gli uscenti, in caso di elezione ulteriori 10.000 euro), sia coprendo le spese necessarie a conquistarsi le preferenze sul territorio. Il secondo: considerato il meccanismo della legge elettorale per il rinnovo del Parlamento, gli aspiranti deputati e senatori non devono andare a caccia di voti per sé, di conseguenza possono limitarsi al contributo per la Lega (20.000 euro). «Quindi non si capisce perché noi dobbiamo pagare anche la loro campagna elettorale», sbotta un consigliere regionale. «Almeno poi venissimo coinvolti nella scelta dei candidati per la Camera e il Senato: invece no, ci chiamano solo per avere i soldi, un po' troppo comodo», tuona un altro. «Senza contare che non tutti i parlamentari versano i 3.000 euro al mese per il funzionamento del partito, giocando sul fatto che non sono obbligati dalla legge a farlo», insinua un altro ancora.

VERTICI
Il fastidio è già stato espresso nel vertice di giovedì in Friuli Venezia Giulia, ma è pressoché scontato che venga manifestato pure nella convocazione di domani in Veneto. Dopodiché non è escluso che, per evitare polemiche pubbliche a meno di due mesi dal voto, i leghisti finiscano per obbedire all'ordine tramite bonifico. Del resto a Bordin e Pan sono già stati comunicati sia l'importo richiesto che le coordinate bancarie...

 

Ultimo aggiornamento: 3 Agosto, 17:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci