Contagi in rialzo tra i ragazzini, scatta l'allerta Covid per Halloween: «Pigiama party, un rischio»

Sabato 30 Ottobre 2021 di Mauro Favaro
La festa di Hlloween
2

PAESE - Allerta Covid per le feste di Halloween. Oltre al giro “dolcetto o scherzetto”, si stanno organizzando diversi pigiama-party per la notte di domani. E si teme che simili appuntamenti possano far salire i contagi, soprattutto tra i più giovani. «Prestiamo la massima attenzione anche in queste feste», chiede il sindaco Katia Uberti. Il sindaco ha appena scritto una lettera congiunta con il preside dell’istituto comprensivo Casteller, Alessandro Pettenà, per chiedere a tutti i cittadini di continuare a rispettare le misure di prevenzione. Nessuno vuole ridimensionare Halloween. Il punto è che nell’ultimo mese e mezzo le scuole di Paese hanno già contato una lunga serie di alunni contagiati dal virus. Dall’inizio dell’anno scolastico sono state 18 le classi finite in didattica a distanza o sotto monitoraggio. Un numero molto più elevato di quello registrato nei comuni vicini. E non è finita. Attualmente ci sono ancora tre classi in quarantena e una in monitoraggio. «La contagiosità del virus e il permanere dell’emergenza sanitaria – scrivono Uberti e Pettenà – non consentono di allentare l’attenzione sui comportamenti che è necessario adottare per evitare la diffusione dei contagi». 


IL FOCOLAIO
Tre settimane fa l’istituto comprensivo Casteller, il più grande del Veneto, ha dovuto anche far fronte a un vero e proprio focolaio. In una sola classe delle elementari sono stati contagiati 12 bambini. L’Usl ha puntato la lente in particolare sulla navetta che ogni giorno trasferisce 5 classi dalla scuola di Castagnole, dove sono in corso dei lavori, all’elementare Pravato di Paese. «Tre di queste 5 classi sono finite in quarantena», conferma il sindaco. All’interno delle scuole non emergono problemi sul rispetto delle misure di prevenzione.


LE MISURE
«Ma una volta all’esterno, queste attenzioni si allentano», sottolinea Uberti. Gli alunni, in particolare, spesso si liberano della mascherina quando sono a bordo della navetta. Tanto che nei giorni scorsi un agente della polizia locale è salito sullo scuolabus per invitarli a seguire le norme di precauzione per tutto il tragitto. Ora questo focolaio è rientrato. Ma non si può abbassare la guardia». 

 

Ultimo aggiornamento: 08:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA