Uccise la ex ventenne incinta: confermati 30 anni per Savciuc. La reazione della mamma di Irina /Video

Martedì 20 Novembre 2018
Uccise la ex ventenne incinta: confermati 30 anni per Savciuc. La reazione della mamma di Irina
18

CONEGLIANO - Uccise l'ex fidanzata in modo barbaro, senza alcuna pietà. Irina Bacal aveva 20 anni ed era incinta al settimo mese. Il bambino era proprio suo, di Mihail Savciuc, l'assassino. Oggi i giudici della Corte d'Assise d'Appello di Venezia hanno confermato la condanna di primo grado a 30 anni di carcere per Mihail Savciuc. Nessuno sconto di pena  è stato concesso all'assassino moldavo, oggi ventenne.

Il delitto si era consumato il 19 marzo 2017 a Vittorio Veneto. La ragazza venne strangolata e poi colpita in testa con una pietra, il corpo abbandonato in un bosco. Il killer confessò solo dopo qualche giorno, messo sotto pressione dagli inquirenti. 

In primo grado il giudice aveva condannato Savciuc anche a risarcire la madre della ragazza con una provvisionale di 200mila euro e la sorella Cristina con 80mila. La difesa aveva fatto appello chiedendo l'assoluzione dell'imputato. Il suo avvocato, Giorgio Pietramala, aveva chiesto le attenuanti generiche e l'esclusione dei motivi abbietti incontrando l'opposizione del procuratore generale Paola Cameran e dell'avvocato Andrea Piccoli che assiste la famiglia della vittima. Oggi, dopo un'ora e mezza di camera di consiglio, i giudici della Corte d'Assise d'Appello hanno confermato la pena e le provvisionali. La difesa ha annunciato che ricorrerà in Cassazione. 

I particolari sul Gazzettino del 21 novembre 

VIDEO Reazione a caldo di Galia, madre della vittima, all’uscita dall’aula bunker di Mestre insieme alla sorella Tamara.

Ultimo aggiornamento: 21 Novembre, 08:40 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci