Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Cuscini come banchi e 250 iPad come libri: alla Kennedy pronta la classe 4.0

Venerdì 17 Giugno 2022 di Chiara Dall'Armellina
All'inaugurazione della nuova classe 4.0 nella scuola Kennedy

CONEGLIANO - È stata inaugurata ieri, 16 giugno, l'Aula Innovativa alla scuola Kennedy di Conegliano, a disposizione per il nuovo anno scolastico di insegnanti e studenti. La cerimonia, in forma ristretta, è avvenuta alla presenza della dirigente Liviana Da Re, dell'assessore all'istruzione Gianbruno Panizzutti, della vice presidente del Consiglio d'Istituto Teresa Rebustello, di Fabrizio Mazzer direttore dei Servizi Generali e Amministrativi dell'IC Cima e di Simone Perin titolare della Perin Generators Group, che da tempo sostiene finanziariamente il progetto.
LO SPAZIO
Prima di entrare nell'Aula, uno spazio aperto informale, con cuscini e sedute per i bambini, ha lo scopo di metterli a loro agio e farli rilassare. All'interno della stanza gli arrendi sono stati studiati appositamente, così come cablaggio e collegamenti di ultima generazione per supportare la lim (lavagna digitali) e gli apparecchi collegati alla rete. Una serie di banchi sono disposti in forma circolare, senza una cattedra, trasposizione di una concezione di insegnamento inclusiva, con una serie di IPad a disposizione nelle postazioni. «Grazie ai contributi del Ministero e al signor Perin abbiamo a disposizione nell'IC 250 IPad e una serie di box carica IPad - spiega Mazzer - L'obiettivo finale è che tutti gli alunni abbiano questo strumento da affiancare alla didattica tradizionale». In tutte le scuole dell'IC ci sarà dal prossimo anno la fibra, il wi-fi e le lim. «L'obiettivo a lungo termine precisa la dirigente è che tutte le aule siano strutturate in maniera innovativa come questa, ma nel frattempo abbiamo almeno uno spazio di questo tipo, sul modello delle scuole nordiche. I ragazzi possono così apprendere senza stare necessariamente seduti, uscendo dall'aspetto aula'».
IL PROGETTO
Il progetto, già iniziato durante la dirigenza Maschio, è stato realizzato in questi anni con grande impegno di tutte le parti per avere i fondi. Determinante è stata la sensibilità del signor Perin, che ha i figli a scuola nell'istituto. «Siamo sempre a disposizione quando c'è un bel progetto e mi auguro che qualcun altro come noi si faccia avanti - dichiara Perin - Abbiamo deciso di intitolare l'Aula alla dottoressa Eva Orzan, direttrice di Audiologia all'ospedale pediatrico Burlo Garofolo di Trieste, che ha investito moltissimo nella tecnologia legata all'applicazione dell'udito. Il messaggio che si vuole trasmettere a chi passa nell'aula è che la tecnologia può aiutare anche chi soffre di ipoacusia (1 bambino su 4 può essere portatore sano)«. Esprime soddisfazione anche l'assessore Panizzutti che dice: «L'istituto Cima ha dato l'esempio in questa direzione condivisa e sostenuta dal Comune, che sta lavorando con finalità simili attraverso il progetto Innovation Lab».

Video

Ultimo aggiornamento: 09:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci