Investita da un'automobile: cerva salvata dai cacciatori

Giovedì 9 Gennaio 2020 di Claudia Borsoi
Una cerva
2
FREGONA - Cerva ferita salvata dai cacciatori. Dopo una notte passata in una stalla di Fregona, l’ungulato visitato dal veterinario è stato liberato ed ha poi raggiunto i propri simili, salendo verso il Cansiglio. «I cacciatori non sparano solo. Abbiamo creduto fin dall’inizio che quella cerva non doveva essere abbattuta – afferma Giampaolo Antonioli, presidente della riserva alpina di Fregona – e dopo averla tenuta in una stalla tutta la notte, si è infatti ripresa».

L’INCIDENTE
Nella serata di Epifania intorno alle 18.30 una giovane cerva è rimasta a terra dopo esser stata investita da un’auto che transitava lungo la provinciale del Cansiglio in località Valsalega. «C’è stato subito un tam-tam – racconta il fregonese Antonioli -, tutti si fermavano a vedere quella povera cerva ferita. E la segnalazione è arrivata anche a noi cacciatori. Mi hanno chiamato ed insieme ad un socio della riserva alpina siamo saliti in Valsalega con un pick-up. Quando siamo arrivati era presente anche la forestale. Abbiamo caricato la cerva nel pick-up e l’abbiamo trasportata nella stalla di un allevatore. Abbiamo capito subito che aveva dei problemi causati dall’urto contro la macchina, ma non sapevamo cosa. L’abbiamo adagiata sulla paglia e nella stalla ha trascorso tutta la notte. Quando intorno alle 8 di martedì sono passato a vedere se era viva, l’ho trovata sveglia. Ho quindi chiamato la polizia provinciale e il veterinario che l’ha visitata e l’ha lasciata andare. Abbiamo poi saputo che aveva subito un trauma cranico». 

LA DECISIONE
Qualcuno aveva anche ipotizzato di abbattere la cerva ferita, ma i cacciatori non hanno voluto. «Ci abbiamo creduto subito che non era da abbattere. Ci descrivono come persone che sparano solo, invece facciamo diverse attività nell’arco dell’anno per tutelare la biodiversità del nostro territorio. Ad esempio – prosegue Antonioli – la nostra caccia al cervo è una caccia di selezione programmata dalla Provincia». Per questa stagione di caccia, i capi che i soci della riserva alpina di Fregona potranno abbattere sono 30. Al momento sono stati uccisi 12 cervi. «Quest’anno la caccia non è così facile, i cervi sono calati di numero – spiega il presidente -. Manca la neve: non escono dalla piana e non scendono alla ricerca di cibo. Già in primavera, nel corso delle nostre attività di censimento, ci eravamo resi conto che erano calati di numero». E ai cacciatori ora si è aggiunto, in Cansiglio, anche il lupo che predilige come preda proprio i cervi. A fine 2019 le fototrappole di Giuseppe Zoppè hanno immortalati sette lupi. «Sì, il lupo c’è e può aver inciso sul calo dei cervi – conclude Antonioli -. Quindici giorni fa un socio ne ha visti due in cima al Pizzoc, in località Cros». Ultimo aggiornamento: 11:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA