Martedì 25 Settembre 2018, 09:34

Concussione, la minaccia del carabiniere: ​«Se non mi paghi finisci in carcere»

PER APPROFONDIRE: carabinieri, concussione, treviso
Concussione, la minaccia del carabiniere: «Se non mi paghi finisci in carcere»

di Alberto Beltrame e Lina Paronetto

CASTELFRANCO (TREVISO) - Gli hanno messo sotto il naso decine di foto e lui, quando l'ha riconosciuto, ha subito alzato gli occhi. «Sei sicuro?», gli hanno chiesto e richiesto più volte gli investigatori. «Sì, è proprio lui il carabiniere che ha minacciato di farmi arrestare se non gli davo i soldi» ha risposto dopo aver posato il dito sulla fototessera. Era lo scorso giugno e la foto ritraeva il brigadiere Giuseppe Alù, 57enne di origini catanesi in forza da diversi anni alla compagnia dei carabinieri di Castelfranco. Il militare, indagato per concussione assieme al collega con cui faceva coppia (mentre le posizioni di altri due carabinieri, comunque iscritti nel registro degli indagati per lo stesso reato, sarebbero meno compromettenti), da sabato scorso è agli arresti domiciliari. «Robuste», così le definiscono in Procura, le prove a suo carico raccolte dai suoi
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Concussione, la minaccia del carabiniere: ​«Se non mi paghi finisci in carcere»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2018-09-25 13:29:22
Comico, a prescindere che quel che hai scritto comunque non giustifica nel modo più assoluto il comportamento del carabiniere, le persone sono intimorite spesso da questi elementi che ti trovano il pelo sull’uovo pur di crearti problemi. Ricordo di un tale che li aveva contestati, ne hanno fatto passare di ogni, persino dal cartello pubblicitario posto su treppiedi che era fuori di un paio di cm da dove doveva essere collocato. Hanno sempre ragione loro. Chiedo ancora, ma i nomi del compare del brigadiere e degli altri? Come mai non vengono resi noti? Par condicio. Prego
2018-09-25 10:03:28
Io mi pongo una banale domanda: ammettiamo per assurdo che i fatti contestati a questo Brigadiere siano veritieri, per quale motivo io negoziante devo versargli 800 euro? Sono in regola io in primis? Opppure ci sarebbe da controllare per benino queste Attivita'? L'arma svolge questi controlli o si limita a perseguire i suoi stessi uomini? Pongo la domanda anche al magistrato che si occupa delle indagini.
2018-09-25 12:12:24
@comico: non c'è giustificazione. Noi cittadini dobbiamo pensare che, come la moglie di Cesare, questi Carabinieri, Poliziotti etc siano irreprensibili Oppure crolla tutto l'edificio della sicurezza. Quindi ben venga l'inchiesta e, se avverata, la colpa deve essere esemplare. Di mele marce ce ne sono già troppe nella politica (purtroppo scelte dagli elettori) senza che dobbiamo anche giustificare quelle delle forze dell'ordine.
2018-09-25 16:52:52
"ammettiamo per assurdo", come sarebbe, crede forse che arrestino un carabiniere solo su supposizioni? Spiace che sia Catanese, ma ben venga che si faccia ordine, anche sui colleghi, per il cinese c'è tempo, quello non scappa visto che è lui il ricattato.