Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Caldo torrido, 250 gli interventi del Suem 118: a Salgareda un anziano sviene per strada

Lunedì 27 Giugno 2022 di Maria Elena Pattaro
Caldo torrido, 250 gli interventi del Suem 118: a Salgareda un anziano sviene per strada

TREVISO - Raffica di malori nel fine settimana. La colpa è delle temperature roventi che non lasciano tregua alla Marca, dove la colonnina di mercurio ha sfiorato i 35 gradi. E nei prossimi tre giorni la situazione rimarrà invariata, con valori da bollino rosso. Più di 250 le chiamate per malori e svenimenti arrivate al 118 tra sabato e domenica. Uno dei casi più eclatanti è quello di un anziano che ieri ha perso i sensi per strada a Salgareda ed è stato salvato grazie all’intervento tempestivo dei sanitari. L’aumento di chiamate al numero di emergenza è notevole, con un picco di 600 richieste negli ultimi due giorni, a fronte di una media di 370.

I RISCHI

«Gran parte dei malori è attribuibile alle alte temperature - spiega Marialuisa Ferramosca, primario del Suem di Treviso -. Il caldo infatti acutizza i sintomi legati ad alcune patologie, soprattutto respiratorie. In questi giorni stiamo assistendo soprattutto a sincopi ripetute, cefalee, brevi perdite di conoscenza e aumento della temperatura corporea». I più a rischio sono gli anziani, ma anche chi compie sforzi fisici o attività fisica all’aperto nelle ore più calde trovandosi quindi esposto non soltanto all’insolazione ma anche ai colpi di calore. Come riconoscerli? «Si manifestano attraverso l’aumento della temperatura corporea associata a una cute secca e non sudata. Nei casi più estremi si arriva anche ai crampi e alla perdita di conoscenza» - spiega la Ferramosca, che raccomanda ai cittadini di non sottovalutare questi sintomi. Le prospettive sono tutt’altro che rassicuranti: stando alle previsioni di Arpav, la Marca resterà da bollino rosso anche nei prossimi tre giorni, poi l’ondata di caldo torrido dovrebbe allentare parzialmente la presa e concedere un po’ di tregua. Nel fine settimana la provincia di Treviso è stata la zona più calda del Veneto, con termometri che sfiorano i 35 gradi. Un valore che sale addirittura a 40 se si guarda alla temperatura percepita, in cui a fare la parte del leone è il tasso di umidità. È il quadro con cui bisogna fare i conti anche nei giorni a venire, visto che la canicola continuerà a stringere la Marca in una morsa rovente.

LE RACCOMANDAZIONI

I consigli del Suem sono sempre gli stessi, a partire dall’alimentazione: bere tanta acqua e consumare pasti leggeri, ricchi di frutta e verdura. E niente alcolici nelle ore più calde perché amplificano i sintomi legati al disagio da caldo. «Bisogna evitare l’esposizione al sole e l’attività fisica nelle ore più calde. Ma visto il caldo torrido di questi giorni andrebbero evitate anche le semplici passeggiate nelle ore clou - raccomanda la Ferramosca -. Se proprio non è possibile, è bene ricordare di rinfrescarsi spesso la fronte e i polsi e di coprirsi la testa con un cappello così da scongiurare insolazioni». E ancora: evitare i vestiti sintetici e arieggiare la casa la mattina presto e la sera in modo da rinfrescare le stanze. Temperature elevate combinate a un alto tasso di umidità e alla scarsa ventilazione creano infatti la tempeste perfetta per i colpi di calore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci