Bolidi dall'estero comprati senza pagare l'Iva: sequestro di oltre mezzo milione di euro

Martedì 24 Novembre 2020
Bolidi dall'estero comprati senza pagare l'Iva: sequestro di oltre mezzo milione di euro
1

TREVISO - Operazione, questa mattina, martedì 24 novembre 2020,  della Finanza di Treviso nei confronti di un gruppo criminale dedito alla truffa aggravata ai danni dello Stato e al falso ideologico nel commercio di autovetture usate di provenienza comunitaria.

Nei confronti degli otto responsabili, su richiesta del procuratore di Treviso Massimo De Bortoli, il gip Marco Biagetti ha disposto altrettante ordinanze di custodia cautelare agli arresti domiciliari e sequestro di beni per oltre mezzo milione di euro.

Gli indagati utilizzavano alcune società con sede operativa nel trevigiano per acquistare senza Iva, da Germania, Francia, Spagna e Belgio, autoveicoli usati di medio-grossa cilindrata, esibendo agli uffici della Motorizzazione Civile documentazione falsa che attestava l'avvenuto pagamento dell'imposta all'estero. Sono circa 500 i veicoli importati dall'organizzazione a decorrere dal 2015, per un giro d'affari di oltre 8,5 milioni di euro, di cui 1,5 milioni di Iva sottratta alle casse dello Stato. 

Gli indagati

K.E.S., 33enne romena residente a Paese, F.P., di 41 anni, D.D.D., 31enne di Riese Pio X, E.L., 36enne di Spresiano, D.C., 42enne di Vedelago, e infine S.M., unico italiano 45enne di Padova. Gli altri uomini sono tutti romeni e albanesi residenti da tempo nella Marca. Altri due uomini romeni nei cui confronti è stata emessa l'ordinanza sono attualmente ricercati

 

Ultimo aggiornamento: 14:26 © RIPRODUZIONE RISERVATA