Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Iov di Castelfranco, la denuncia della Cgil: «Infermieri costretti a turni massacranti». La direttrice: «Pronti ad assumere a tempo indeterminato»

Mercoledì 17 Agosto 2022 di Mattia Zanardo
Carenza di infermieri allo Iov di Castelfranco, la denuncia dei sindacati

CASTELFRANCO - L'effetto combinato delle ferie e di alcuni casi di Covid sta rendendo sempre più difficile la situazione per il personale infermieristico nei reparti di oncologia e oncoematologia dello Iov di Castelfranco. La Fp Cgil di Treviso lancia l'allarme, denunciando lavoratori ormai allo stremo per turni anche di 14 ore, riposi soppressi e fino a tre notti di seguito e sollecita i vertici dell'Istituto a intervenire. Azioni già messe in essere, spiegano questi ultimi: per far fronte all'aumento dell'attività, in particolare nell'oncoematologia, verranno inseriti due nuovi infermieri (attualmente l'organico è di 12, più 11 oss). La Regione ha già autorizzato, ma nelle graduatorie sia dello Iov stesso, sia delle altre Ulss non si sono trovate disponibilità.

ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO

Dunque, il 25 agosto è in programma una selezione per assunzioni a tempo indeterminato, per procedere poi con il concorso per i posti stabili. «Già nelle scorse settimane le difficoltà di coprire i turni, in particolare degli infermieri, per la maggior parte neoassunti, si sono fatte sentire - affermano Sara Tommasin e Andrea Artuso della segreteria provinciale della Fp Cgil di Treviso - Ora la situazione è fuori controllo. Non puntiamo il dito contro nessuno, perché siamo ben consapevoli che le carenze croniche del personale in questa fase si sono sommate alla programmazione delle ferie e alle assenze per Covid, ma è necessario trovare subito una soluzione per alleggerire gli insostenibili carichi di lavoro. Questo dello Iov, è un contesto delicatissimo per le cure che vengono fornite. Per tale ragione la qualità dell'assistenza deve essere mantenuta altissima, ma a farne le spese non possono essere i lavoratori, sottoposti a fortissimo stress da più di due anni».

LA REPLICA DELLO IOV

Patrizia Benini, direttrice generale dello Iov, ribadisce come il tema sia assolutamente all'ordine del giorno: «Sappiamo che quell'area è di elevata professionalità e con un'attività in crescita - sottolinea, rimarcando la piena disponibilità al confronto con i sindacati - Con i primari abbiamo già concordato l'aumento della dotazione e sono in corso tutte le vie amministrative per acquisire nuovo personale, a riprova della massima attenzione per i pazienti, ma anche per i lavoratori». A complicare le cose, nelle ultime ore 4 infermieri sono risultati positivi. Proprio per questo, fanno sapere dalla direzione, un collega, che doveva recuperare delle ore, si è offerto per un triplo turno notturno. Nel frattempo, sono stati chiamati rinforzi da tutto il dipartimento, anche da Padova. «L'estemporaneità delle positività non è purtroppo prevedibile, né evitabile. In quell'area, proprio per il tipo di pazienti, stiamo facendo tutto il possibile per non rimodulare i posti letto».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci