Omicidio di Cison di Valmarino. Coniugi massacrati, blitz nella notte. Arrestato un 35enne a Refrontolo

Coniugi massacrati, blitz nella notte
Arrestato un 35enne a Refrontolo
CISON DI VALMARINO - Svolta clamorosa questa notte, 10 marzo, nell'omicidio che ha sconvolto la piccola comunità di Rolle di Cison di Valmarino: un uomo di 35 anni è stato arrestato dai carabinieri per l'omicidio della coppia di anziani, uccisi il primo marzo a Cison di Valmarino.

LEGGI ANCHE L'obiettivo del killer era Loris /L'esito dell'autopsia

CHI È L'ARRESTATO
Il presunto omicida vive a Cison, ma è stato fermato in un comune poco distante, a RefrontoloIl fermato si chiama Sergio Papa, 35 anni, trevigiano di Cison. Il provvedimento del pm Davide Romanelli gli è stato notificato, stamane, nella caserma del Comando Provinciale di Treviso. L'uomo  è a disposizione dell'autorità giudiziaria. 

IL MOVENTE
Secondo gli inquirenti il delitto sarebbe maturato per motivi economici.

LEGGI ANCHE Annamaria, la paura svelata alle amiche: «Prima o poi mi uccidono»

AMMAZZATI CON FEROCIA
La coppia, Loris Nicolasi di 72 anni e sua moglie Anna Maria Niola di 69, era stata uccisa con ferocia, a colpi di spranga e coltello, forse un pugnale, e lasciati morenti sul prato dietro la loro casa, una zona di campagna. L'assassino aveva dato numerosi fendenti all'uomo, quasi tutti con molta violenza di cui uno mortale, al collo, mentre si era accanito meno sulla donna, dandole un solo fendente fatale al torace e poche altre pugnalate. A scoprire i cadaveri era stata la figlia al rientro a casa dal lavoro.


 
 


IN PAESE
Il 35enne  sembra non fosse presente nel paese di residenza, Refrontolo, da almeno 4 anni. I ricordi di Sergio Papa che gli abitanti del paese hanno, così come i suoi coetanei, risalirebbero a un simile arco di tempo, così come è molto sfumata la memoria nei locali pubblici più frequentati.  Figlio di una famiglia residente nel centro di Refrontolo, secondo alcuni l'uomo si sarebbe finora dedicato ad occupazioni saltuarie e non nel territorio comunale.


+++ NOTIZIA IN AGGIORNAMENTO +++
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 10 Marzo 2018, 13:01






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Omicidio di Cison di Valmarino. Coniugi massacrati, blitz nella notte. Arrestato un 35enne a Refrontolo
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 55 commenti presenti
2018-03-11 08:09:32
drogati e chiunque faccia uso di droghe, dovrebbe andare in carcere a farsi passare la voglia, via patenti e lavoro se in posti comunali o statali di pubblica amministrazione, chiunque sia, + ritiro del passaporto, se si applicasse questa stretta ad ubriaconi e drogati, imponendo un controllo OBBLIGATORIO annuale come la tessera sanitaria di una volta, imposta a tutti i cittadini italiani dopo i 18 anni e a tutti gli stranieri che vogliono venire in italia per ferie o lavoro il porto dell'esame con il passaporto o sul visto, pena l'arresto. applicando alla lettera questa regola, cambierebbe il mondo, costruire carceri, veloci e spartane con servizi essenziali, che devono essere carceri non degli hotel 4 stelle e sbatterli dentro subito se positivi, senza tv, wi fi, giornalisti e radicali liberi., chi non si presenta all'esame una volta all'anno va arrestato, e se positivo va dentro senza se e senza ma. l'italia diventerà un paradiso, senza spacciatori e senza mafia, in pochi anni non servono nemmeno poliziotti per le strade, e per i profughi non avrebbe più senso venire in italia a fare fortuna se nessuno si droga, se ne andrebbero altrove, e sono sicuro che il mondo civile ci copierebbe immediatamente, come lo è stato per la legge sul fumo.
2018-03-10 21:21:29
perché per un italiano si può scrivere nome e cognome, mentre gli stranieri hanno sempre solo le iniziali?
2018-03-11 10:13:43
Dottor Livore ha già provveduto ? Le ricordo il commento del 3 marzo :"pista sbagliata, mi gioco la pensione che qui ci stanno di mezzo gli abitanti dell'antica Dacia..."
2018-03-11 15:46:12
per ora è solo in stato di fermo, non ha confessato e non è stato giudicato. la scommessa è ancora in piedi, e resto fermo sulla mia convinzione del 3 marzo. quel modus operandi ce l'hanno solo i criminali dell'est.
2018-03-10 20:57:21
-Enrico, anche questo è uno di voi, un veneto razza sile. A leggere i vostri commenti della prima ora vien solo da pensare che come al solito non vedete il travone che avete nel vostro occhio ma cercate la pagliuzza in quello degli altri. Ennesima conferma che i veneti non sono secondi a nessuno in questo campo. Avete molta pulizia da fare a casa vostra. Cominciate a farla tra di voi.......vergogna !!!!...ciao enrico..ciao.