Lascia la casa ai profughi, insulti e accuse sul web: «Ci guadagna»

Lascia la casa ai profughi, insulti  e accuse sul web: «Ci guadagna»

di Alberto Beltrame

TREVSIO -  Quando 2 anni fa si prese i profughi in casa venne sommerso di critiche. Tutti giù a fargli i conti in tasca. E lui i conti li ha resi pubblici, spiegando come spendeva i famosi 30 euro al giorno ricevuti per ognuno dei 6 richiedenti asilo ospiti nella casa di Camalò di Povegliano.  E ora che l'immobile resterà a quegli ospiti africani (e ai due dei suoi 4 figli ancora sotto il tetto familiare), gli altri ancora dietro a far ricorsi nonostante tutti lavorino e parlino l'italiano perfettamente o quasi, e che il professor Antonio Calò andrà a vivere con la moglie Nicoletta assieme a un parroco di Treviso, don Giovanni Kirschner, per avviare un progetto d'accoglienza  rivolto a famiglie e giovani in difficoltà, ecco ancora che il web si scatena.

«Ha il suo bel tornaconto economico!», «Se avesse dato la casa ad italiani in estrema povertà allora sarebbe un santo, ma ha preferito darla agli immigrati percependo 30 euro a testa: non è santità è business», «Se si trasferisse lui in Africa sarebbe meglio: uno scambio alla pari», sono solo alcuni dei commenti sprezzanti apparsi nelle ultime ore accanto alla notizia diffusa e ripresa da tutti i media nazionali. Calò, di fronte a questo tipo di attacchi, replica: «Non vedere il bene è pericoloso, e di fronte all'ignoranza non posso nulla». Quanto ai famosi 30 euro al giorno per migrante, la questione è ancor più semplice. I suoi 6 ospiti - come già detto da Calò - dallo scorso marzo sono usciti economicamente dal sistema d'accoglienza e lo Stato non eroga più nulla per loro.

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 4 Dicembre 2017, 08:29






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Lascia la casa ai profughi, insulti e accuse sul web: «Ci guadagna»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 102 commenti presenti
2018-06-20 14:00:07
ma certo...avanti con questi bei commenti che non tengono conto che aprire la propria casa è sempre sintomo di apertura del proprio cuore...trovo una grettezza in questi commenti che disonora la bontà del nostro popolo italiano, la voglia di trovare il "marcio" anche dietro ad una scelta non certo facile di accoglienza e di ospitalità è esagerata...per fortuna che ci sono persone buone che aprono le porte invece di chiudere il cervello!
2017-12-05 10:17:40
È un profugo pure lui...
2017-12-04 23:33:28
non manderei mio figlio a scuola da questo insegnante.
2017-12-04 22:47:20
Questo signore è andato in tv e nei giornali, si capisce che punta in alto..??atteggiamento discutibile. ...
2017-12-04 21:57:17
Dovrebbe solo vergognarsi!!!e il prete pure!