Non mangia e respira male: Alberto portato via dal tumore in tre mesi

PER APPROFONDIRE: alberto gattel, maserada, morto, tumore
Alberto Gattel
MASERADA SUL PIAVE - Il suo sogno era quello di laurearsi in geofisica e studiare vulcani e terremoti. A infrangere le aspirazioni di un brillante studente 21enne di Maserada, Alberto Gattel, è stato un tumore che è stato scoperto solo nel febbraio scorso, casualmente, e che se lo è portato via in poco tempo. Il 21enne era stato costretto a rivolgersi al pronto soccorso del Ca' Foncello per alcuni sintomi che potevano inizialmente far pensare ad un'influenza ed erano stati inizialmente scambiati per una pancreatite. Alberto, sempre molto stanco, mangiava poco e respirava male; l'ingrossamento dei linfonodi ha poi indotto i medici a sottoporlo a una ulteriore tac che ha portato a scoprire il tumore. 

Il giovane si è spento nel tardo pomeriggio di mercoledì, attorno alle 18, nel reparto di oncologia dell'ospedale Ca' Foncello dove si trovava ricoverato da alcune settimane. Una lenta e dolorosa agonia quella di Alberto, seguito costantemente dall'affetto dei genitori, Luisa e Maurizio che hanno perso il loro unico figlio. «Abbiamo sempre sperato e pensato sempre che guarisse - ci racconta, commossa, la madre - ed è l'unica cosa che abbiamo potuto fare: tutto è avvenuto in soli tre mesi, soffrendo tantissimo e si resta senza parole, senza idee». Il funerale del 21enne è già stato fissato: sarà celebrato domani, alle 15.30, nella chiesa parrocchiale di Maserada sul Piave...
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 18 Maggio 2018, 09:46






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Non mangia e respira male: Alberto portato via dal tumore in tre mesi
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2018-05-19 12:24:27
Ho avuto il privilegio di conoscerlo: una bella persona. Senza di lui siamo tutti più poveri
2018-05-18 13:21:45
Povero ragazzo.
2018-05-18 10:18:09
sono queste le vere tragedie della vita che dovrebbero farci riflettere su quanto spesso siamo superficiali