Entra nell'osteria urlando «Vaccinatevi». Il pensionato replica e lui lo schiaffeggia

Martedì 28 Settembre 2021 di Lina Paronetto
Antica osteria Pozzi di via Pieve di Soligo, a Falzé di Piave
3

SERNAGLIA DELLA BATTAGLIA (TREVISO) - È entrato nel locale gridando: «Vaccinatevi». Quando un pensionato seduto al bancone gli ha ribattuto, gli si è avventato contro, dandogli un ceffone. L'episodio domenica sera intorno alle 20.30 all'Antica osteria Pozzi di via Pieve di Soligo, a Falzé di Piave, dove il titolare Alessandro dal Bò, come molti altri ristoratori, non ha mai fatto mistero di non gradire le restrizioni anti Covid. Tanto da protestare sonoramente quando in primavera, nel periodo in cui ancora i locali pubblici erano costretti a limitarsi alla somministrazione di cibo e bevande solo per asporto, era stato multato per aver intrattenuto tre clienti in attesa con un calice di vino. Nel locale, insegne scherzose fanno ironia sul Green pass. Con tanto di drink a tema: l'Astrazeneca, il Pfizer, il Moderna e così via. Con un invito finale: Vaccinatevi da noi. «Ma tutto, nelle chiacchiere che si fanno qui dentro, è sempre rimasto nei limiti della discussione benevola, della battuta - spiega Alessandro - E' la prima volta che succede una cosa del genere». Si emoziona, il ristoratore, a raccontare, con accanto a sé la moglie Monica Favaro, quello che è successo domenica. «Questo signore, che avevo già allontanato in passato, è entrato urlandoci contro: Comunisti! Vaccinatevi!. Quando un altro avventore, un pensionato che abita qui a Sernaglia e viene spesso nel locale, ha replicato, gli si è scagliato contro schiaffeggiandolo. Lo avrebbe colpito ancora se non fossi intervenuto». Dal Bò ha bloccato l'individuo, un muratore 45enne, facendolo uscire dal locale. Ma la sua furia non si è placata, anzi. In due hanno cercato di trattenerlo fuori, senza riuscirci.

Aggressione in osteria

«Ha spaccato la lavagnetta all'esterno, preso a calci la porta, poi è entrato ha danneggiato la vetrinetta del bancone. Non contento, ha lanciato un vaso, che poi era anche un ricordo di famiglia, in direzione di mia moglie: solo per un caso non l'ha colpita». Marito e moglie lo hanno minacciato di chiamare i carabinieri: «E a quel punto è sparito». Ma i Dal Bò ci tengono a sottolineare, al di là dell'episodio, il clima di divisione che sta provocando il tema vaccini: «Possibile che, se uno è vaccinato e uno no, non ci possa essere il rispetto della volontà di entrambi? E' assurdo che questa persona sia entrata e abbia iniziato a litigare per questo: se nei bar iniziamo a comportarci così, è finita». Per Monica il problema è dilagante: «Non va bene, secondo me questo tema non sta unendo il popolo, ma lo sta dividendo: è una cosa che chi lavora con il pubblico tocca con mano». Eppure, dice, l'esperienza sua e di suo marito dimostra che su certi temi, come la vaccinazione, la libertà del singolo dovrebbe essere rispettata: hanno fatto ciascuno la propria scelta, senza discussioni. Il pensionato colpito al volto dal violento ceffone, è andato ieri a farsi refertare: «Aveva l'occhio tutto nero». L'episodio è stato denunciato ai carabinieri: lesioni, minacce, danneggiamenti le accuse ipotizzate. «Quell'uomo conclude Dal Bò non la passerà liscia».

Ultimo aggiornamento: 29 Settembre, 10:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA