Abusano dell'amichetta, video choc su WhatsApp: tre minori a processo

Giovedì 22 Dicembre 2016
CASTELFRANCO - Violenza sessuale su un soggetto debole, ma anche produzione e commercializzazione di materiale pedo-pornografico e infine concorso in tali comportamenti: sono le accuse che la Procura dei minori, dopo un'indagine andata avanti oltre 2 anni, contesta, seppure a vario titolo, ai tre minorenni di Castelfranco che obbligarono a un rapporto orale un'amichetta di 13 anni. Non solo. Filmarono quella scena e fecero poi girare le immagini su WhatsApp. La Procura dei minori ha deciso di esercitare l'azione penale sui tre ragazzini per i quali ha formalizzato la richiesta di rinvio a giudizio (processo tra qualche settimana). E la vittima degli abusi, assistita dall'avvocato Marco Furlan, potrà costituirsi parte civile e ottenere giustizia sia morale che materiale.

La decisione degli inquirenti è il frutto di un'approfondito esame della perizia psicologica sulla vittima, ma anche dell'incidente probatorio. «Sì - disse la 13enne confermando le accuse - ho fatto sesso con gli amichetti». Non si rendeva forse conto della gravità di quanto accaduto. Ipotesi confermata dalla psicologa: «Le capacità psicofisiche della ragazzina - spiegò - sono attenuate. Chi ne ha abusato ha approfittato di tale situazione minorata».
  Ultimo aggiornamento: 12:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci