«Con poco salvi un bambino in Africa»: ma i vestiti venivano rammendati e rivenduti

Mercoledì 20 Ottobre 2021 di Gianluca Amadori
«Con poco salvi un bambino in Africa»: ma i vestiti venivano rammendati e rivenduti

VENEZIA - «Con poco salvi un bambino in Africa» era scritto su numerose campane per la raccolta di indumenti usati, posizionate a Treviso. Ma un'inchiesta ha fatto emergere che quegli abiti non erano destinati ad essere donati a persone povere del terzo mondo: venivano venduti, infatti, da due società padovane ad alcune aziende toscane che, a loro volta, dopo averli sanificati, li immettevano nel mercato. Il tutto a scopo di lucro. Per quei fatti, che risalgono al 2016, la Procura distrettuale di Venezia ha messo sotto accusa cinque persone, tutte imputate di traffico illecito di rifiuti; in due devono rispondere anche di truffa per aver indotto i cittadini a consegnare i loro indumenti usati credendo di aiutare la popolazione in Africa, mentre invece l'operazione era un collaudato business. A loro insaputa.


GLI INDAGATI

Ieri mattina, di fronte al giudice di Venezia, Gilberto Stigliano Messuti, si è svolta l'udienza preliminare, conclusasi con il rinvio a giudizio di tutti: il processo si aprirà a Treviso il prossimo 20 dicembre. Sotto accusa sono finiti i padovani Claudio Gemo, 42 anni, di Tribano, e Devil Greggio, 46 anni di Arre, responsabili rispettivamente delle società Gemo srl di Bagnoli di Sopra e Asia di Conselve: per loro l'accusa è di traffico illecito di rifiuti e truffa. Gli altri imputati, invece, devono rispondere soltanto di traffico illecito di rifiuti: si tratta di Alessandra Guarducci, 61 anni, di Pistoia, Alfio Marconi, 54 anni, di Viterbo e Paolo Rossano Bindini, 72 anni di Prato, responsabili rispettivamente delle società Barni srl, Euro Recuperi e Sabiro.


LA DENUNCIA

A far emergere i presunti illeciti è stata la denuncia presentata dalla società Contarina, l'unica autorizzata dalla Regione (e dai vari Comuni) a posizionare le campane per la raccolta degli indumenti usati, la quale segnalò che le campane dei concorrenti non avevano alcuna autorizzazione. A conclusione dell'inchiesta, la Procura di Venezia ha contestato alle due società padovane, e di conseguenza alle altre, di aver trattato gli abiti usati senza rispettare le procedure obbligatorie previste per i rifiuti, in quanto gli indumenti usati così vanno considerati. Nell'udienza di ieri la difesa (avvocati Roberto Bondì, Cinzia Silvestri, Paola D'Alessandro, Nicola Badiano e Francesco Alunno) ha cercato di dimostrare che non è stato commesso alcun illecito, ma il giudice ha ritenuto che spetti al Tribunale, nel corso di un dibattimento pubblico, il compito di ricostruire i fatti ed accertare l'eventuale sussistenza di reati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA