Sabato 3 Novembre 2018, 11:43

Petardi piazzati all'interno dei velobox: saltano in aria nella notte

PER APPROFONDIRE: petardi, porto viro, velobox
Petardi piazzati all'interno dei velobox: saltano in aria nella notte
PORTO VIRO - Due velobox in pieno centro sono stati fatti saltare inserendo al loro interno dei petardi nella notte di Ognissanti. La cittadina si è ritrovata così nuovamente, come già era accaduto negli anni scorsi in prossimità di Halloween, a fare i conti con la stupidità di chi, forse per rompere la noia, si diletta a passare il tempo creando danni economici al bene pubblico. Non è infatti la prima volta che la ricorrenza porta guai e disagi ai residenti che devono fare i conti con la sporcizia, con lo scoppio di petardi che disturbano umani e animali d'affezione e non. Diversi i cani e gatti scappati dai giardini delle abitazioni impauriti dai botti. Prese di mira anche le auto fino al caso dei due velobox posizionati rispettivamente in via Savoia e in via IV Novembre. Ciò che lascia ancor più perplessi, considerata la tarda ora in cui entrambe le esplosioni sono avvenute, attorno alle 2, è il fatto che gli autori dei
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Petardi piazzati all'interno dei velobox: saltano in aria nella notte
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 11 commenti presenti
2018-11-05 10:16:25
O.K.
2018-11-04 22:22:27
Per distruggere una colonna di plastica come quella dovevano essere petardi piuttosto potenti.
2018-11-04 10:53:37
Eroi!
2018-11-04 05:31:18
L'agente che ti ferma ...e' un tiratore scelto...ti scoccia ma lo ammiri, sotto sotto.Gli puoi anche parlare, fare una sceneggiata o sostenere le tue ragioni.Gli altri che passano e ti vedono ridacchiano e tiprendono per i fondelli, una gogna che ti fa d alezione.L'autovelox e' come una mitragliatrice che parte a telecomando , ne puo' far fuori a centinaia senza avere bisogno di cambiare spesso il nastro...quando colpisce no nti accorgi, ma il virus lavora, concalma in ufficio ti identificano, vedono dal codice fiscale se sei ingrado di pagare , e la fatidica raccomandata ti arriva mesi dopo, quando nemmeno ti ricordi di quelgiorno,ora , secondo e tratto di strada, e neppure se avevi prestato l'auto ad un altro, famigliare o amico.Poi una montagna di scartoffie da compilare per la detrazionepunti..fotocopie, moduli , .Cosi' poi sul lavoro rendi meno e il pil scende a picco.Non basta la sberla consistente che poi non tutti pagano, certi non si fanno trovare alla consegna della raccomandata e magari si dileguano per un periodo in lidi sicuri..
2018-11-05 09:01:12
Mi sembri un poeta. Hai tirato in ballo pure il pil, ma neanche un cenno sui morti a causa dell'alta velocità. Complimenti! Sbaglia sempre chi controlla, e mai chi preme sull'acceleratore quando non deve.