Vandali in centro città: devastati gli arredi dei bar e rovesciate le fioriere, il Comune decide di aumentare la videosorveglianza

Venerdì 2 Ottobre 2020 di Alberto Lucchin
DEVASTAZIONE Gli arredi del Piccolo Bar e le fioriere sparsi sotto i portici di palazzo Ina

ROVIGO Una banda di vandali sfregia il centro storico. Nella notte tra mercoledì e giovedì, un gruppo di persone non ancora identificate ha rovesciato le fioriere di alcuni negozi in via Angeli, ha ribaltato sedie e tavolini del Piccolo Bar e, come se non bastasse, ha trasportato parte dell’arredo del plateatico del Caffè Molinari sino a via Laurenti, in mezzo alla strada, davanti a palazzo Roverella. A detta di alcuni negozianti di questa zona, un episodio di questo genere non era mai capitato prima d’ora nel cuore del centro storico.

LA SCOPERTA
Sono le sei del mattino, la titolare dell’edicola Rizzi di vicolo San Rocco è appena arrivata e si appresta a iniziare la sua giornata. Scende dall’auto e nota che c’è qualcosa di diverso. Le sedie e i tavolini del bar davanti alla sua rivendita sono sparse dappertutto. Sul pavimento c’è molta terra, quella dei vasi di fiori che ornano la vetrina del locale, in quel momento ancora chiuso. Osservando incredula la scena, vede avvicinarsi da corso del Popolo il titolare del vicino ortofrutta e anche lui rimane impietrito davanti a una situazione così assurda.
Poco distante, all’incrocio tra le vie Angeli e Laurenti, un netturbino intento a pulire quella zona nota che ci sono dei tavolini in mezzo alla strada. Sono quelli del Caffè Molinari, che qualche “buontempone” ha pensato di traslocarli lì. Ma non finisce qui, perché probabilmente gli stessi responsabili di tutto questo caos, hanno rovesciato anche i vasi davanti al negozio Talmone, sempre sotto i portici di palazzo Ina, spargendone il terriccio su tutto il pavimento.

AMAREZZA
I proprietari delle attività coinvolte da questo atto d’inciviltà non hanno segnalato danni. I vasi non si sono rotti, nemmeno il resto, resta solo la tanta rabbia di vedere devastato da qualche barbaro ciò cui loro tenevano molto per accogliere e conquistare i clienti. A sistemare la terra dei vasi del bar è stata la fioraia di via Angeli, che è arrivata presto nel suo negozio e si è rimboccata le maniche per dare una mano ai colleghi.

Le due giovani titolari dello storico negozio Talmone hanno fatto altrettanto al loro arrivo, andandosi a riprendere il loro vaso e risistemando quel che è rimasto della pianta che vi era cresciuta. Nessuno di loro ha molto voglia di parlare, ma non nascondono di essere delusi per un gesto di questo tipo, in una zona così centrale della città e soprattutto, con il periodo economico che tutta la città sta vivendo.

L’assessore alla Sicurezza e al Commercio Patrizio Bernardinello, però, è risoluto e promette: «Sarà cura mia e dell’amministrazione di cui faccio parte, interessare le forze dell’ordine perché episodi di questo tipo non si ripetano mai più».

Bernardinello è entrato nella giunta di Edoardo Gaffeo da poche settimane, ma sin dal suo insediamento ha messo bene in chiaro che il suo obiettivo è proprio quello di aumentare sensibilmente la sicurezza in città e nelle frazioni. «La città sa che per il momento l’organico dei vigili e la loro dotazione non consente l’avvio di un terzo turno di monitoraggio del territorio. Il nostro obiettivo principale è quello di adeguare e aumentare la videosorveglianza, nell’ottica di rendere più agevole l’identificazione dei soggetti che compiono comportamenti scorretti».

NUOVE TELECAMERE
L’assessore rimarca che «l’impegno della giunta si vedrà in sede di variazione di bilancio tra qualche giorno, allocando una cifra importante per mettere nuove telecamere nelle frazioni e in centro, per esempio anche alla Rotonda. Vedremo questo risultato nelle prossime settimane, dopo che sarà passata in giunta questa variazione. Abbiamo la disponibilità dei fondi e procederemo subito all’appalto per l’acquisto delle telecamere per la videosorveglianza».

© RIPRODUZIONE RISERVATA