La banda dello spray voleva colpire in un locale di Arquà Polesine

La banda dello spray voleva colpire in un locale di Arquà Polesine
ROVIGO - Avrebbero voluto 'farsi' anche la collana di Sfera Ebbasta, dopo averne strappate sei dentro al Lanterna Azzurra di Corinaldo: «la collana quella con la chitarra fra, Badr lì se non era stato per i morti te lo giuro...gliela faceva lo guardava in un modo». Le decine di intercettazioni contenute nelle 174 pagine di ordinanza nei confronti dei ventenni presunti responsabili della strage di Corinaldo raccontano di giovani, dice il giudice, «privi di ogni scrupolo morale» e dall' «elevatissima pericolosità sociale». Un atteggiamento che è chiaro già tre mesi dopo la strage, quando alcuni di loro tornano a ipotizzare di utilizzare lo spray - lo chiamano 'Laura', come fosse un'amica di sempre e da sempre - come se nulla fosse accaduto a Corinaldo.

Il 2 marzo sono in macchina Eros Amoruso (che è morto successivamente in un incidente stradale), Raffaele Mormone e Ugo Di Puorto: i tre erano alla Lanterna Azzurra e stanno andando allo 'Studio 160' di Arquà Polesine, in provincia di Rovigo. Li avevano già presi con il gas in quella discoteca, ma Mormone dice spavaldo: «porto il gas dentro, ti giuro faccio spruzzare tutti, li faccio sparire, ormai va di nuovo di moda il gas...già l'hanno dimenticato». E di Puorto, che secondo le indagini è colui che ha spruzzato il gas a Corinaldo: «fra io non l'ho mai dimenticato». Morrone lo rincuora: «spruzzo io, tu me lo rimetti in tasca, dopo che ho spruzzato, voglio vedere chi lo trova. eh eh, voglio vedere se prendono le impronte dell'aria...ti giuro lo spruzzo e metto di nuovo in tasca fra...uah se muore voglio vedere». E il gas va spruzzato negli occhi, non come faceva quell'amico loro «sfigato» che lo sparava sui piedi.

Il 1 maggio gli investigatori intercettano invece una chiamata che è un'ulteriore conferma della loro presenza nella discoteca. A parlare sono ancora una volta Di Puorto e Mormone. Raccontano di quella sera quando, tornando da Corinaldo, si imbattono all'autogrill proprio in quella che doveva essere la star della serata alla Lanterna Azzurra, Sfera Ebbasta. «È solo un pagliaccio coglione, lo schifo una merda...» dice Di Puorto e aggiunge: «ci stavo per litigare...lo stavo per bussare quel figlio di puttana mi diceva con quella faccia da culo e la collana così fuori...». Mormone lo ferma: «la collana quella con la chitarra...fra Badr (uno degli arrestati, ndr) li se non era stato per i morti te lo giuro Bard li gliela faceva lo guardava in un modo...». Ma le loro telefonate sono tutte un eccesso, un esagerare, un andare oltre. «Fra ci piacciono i soldi...a me piacciono i soldi» sottolinea Mormone più volte. E di Puorto: «...e a me soldi e adrenalina....mi piace sentire uno che viene inculato».

Poi ci sono Sohuibab Haddada e Andrea Cavallari, altri due arrestati: «facciamo i soldi cazzo...facciamo qualche serata così, minchia nasi rotti...bum! - dice il primo - vedevo il naso...sentivo trick e vado via...e nell'occhio a quella distanza, sss (simula l'uso dello spray) nell'occhio...te lo giuro su mia madre». A Cavallari invece quello che gli «manca» è «girare armato»: «ti giuro io prima giravo armato a buco...dentro la macchina c'era...una mazza da baseball, un piede di porco, io addosso avevo spray e taser». Ma l'obiettivo era un altro. «Mi ero ingrippato che volevo prendere la pistola infatti adesso, la pistola è bella, prendi una...la lasci li...se sai quello che hai in tasca lo lasci lì per terra che non si muove più sicuro». Le uniche, isolate, parole di un possibile pentimento gli investigatori le sentono pronunciare a Eros Amoruso il 17 marzo. «Siamo andati a una festa fra e son morte 6 persone, io c'ho ancora quella cosa che non va via. In questo gioco sono morte 6 persone per questo giochino e noi lo sappiamo...e la cosa è consapevolezza che fa male fra...sempre qualcosa da nasconderci, sempre qualcosa da non pensarci fra...in questo giochino non siamo stati noi però gente comunque che faceva il nostro giochino fra è andata ad ammazzare 6 persone». Amoroso è il ragazzo poi morto in un'incidente stradale.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 4 Agosto 2019, 12:16






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
La banda dello spray voleva colpire in un locale di Arquà Polesine
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2019-08-04 23:07:06
in galera a vita fra e ringraziate che non vi appendano fra.
2019-08-04 19:24:01
che dire......ANDREBBERO INTERNATI A VITA !!! che UTILITA' possono avere per la SOCIETA' ??? IO NON ne trovo NESSUNA !!!