Fondo di solidarietà, assegni in ritardo: la protesta della Cgil a tutela dei lavoratori

Giovedì 9 Luglio 2020
Una immagine di archivio di una manifestazione della Cgil
ROVIGO - I pagamenti dell'assegno del Fondo di solidarietà (FSBA) erogato dall'Ente Bilaterale Artigianato Veneto (EBAV) sono in forte ritardo. A dirlo è Mauro Baldi, responsabile per Cgil del Dipartimento Artigianato: “Lo sportello e i centralini delle Camere del Lavoro Territoriali stanno ricevendo centinaia di telefonate di lavoratori che per i motivi più diversi e, tra questi, anche il non corretto invio della domanda da parte delle imprese o dei loro consulenti, non hanno ancora ricevuto alcun parziale pagamento. “E dire – continua Baldi – che dal mese di aprile il Sistema bilaterale artigiano, a differenza cii altri Enti ed ammortizzatori sociali (Cigo, Cig in deroga, Fis) aveva iniziato in maniera veloce ad erogare gli assegni, evidenziando pertanto la bontà e l'efficacia del sistema stesso”. Baldi ribadisce che dal 23 febbraio 2020 un consistente numero di imprese artigiane attraverso lo sportello Ebav Territoriale della Cgil hanno avviato procedure per la sospensione o la riduzione dell'attività lavorativa coinvolgendo oltre 2300 lavoratori assistiti su un totale di oltre 6000 nel Polesine. “Visto il grave ritardo ha concluso Baldi -, la Cgil sta continuando a sollecitare Ebav e il Governo perché si sblocchino velocemente le risorse necessarie al completamento del pagamento di marzo e aprile e dei mesi successivi per evitare ulteriori disagi alle famiglie con il rischio di coesione sociale che ciò comporta sul nostro territorio”. © RIPRODUZIONE RISERVATA