12mila euro accreditati sul conto corrente: sorpresa per 17 famiglie

Martedì 8 Settembre 2020 di Marco Scarazzatti
​12mila euro accreditate sul conto corrente: sopresa per 17 famiglie (foto pixabay)
5

VILLAMARZANA - Dono estivo molto gradito per a 17 famiglie di Villamarzana, che si sono viste accreditare sui loro conti corrente, la bellezza di 12mila euro. Non si tratta né di uno sbaglio causato da un errore dei server degli uffici del piccolo Comune medio polesano, né tanto meno di un regalo fatto a caso. Più che altro è la promessa fatta dal sindaco Claudio Vittorino Gabrielli, che ancora due anni fa, aveva maturato l'idea di non far pagare la mensa scolastica, ai bambini della scuola primaria, iscritti al dopo scuola. «È con soddisfazione, che siamo a comunicarvi, di avere provveduto in questi giorni, alla restituzione dei costi, sostenuti per i buoni pasto della mensa scolastica, a favore delle famiglie degli alunni frequentanti la primaria - si legge nella lettera inviata dall'amministrazione comunale alle 17 famiglie -. Grazie alla vostra generosità, è stato possibile per noi, mantenere la promessa fatta a suo tempo, riuscendo a coprire i costi sostenuti dai genitori dei bambini iscritti agli anni scolastici 2018-2019 e 2019-2020. Il difficile periodo trascorso negli ultimi mesi, ha purtroppo allungato i tempi tecnici del rimborso, ma finalmente il progetto è stato portato a felice conclusione, realizzando così quello che era il nostro desiderio».

Trovano la villa delle vacanze occupata da una famiglia con mamma incinta e due bambini

Soldi restituiti alle famiglie

Il Comune di Villamarzana ha restituito alle famiglie dei bambini della primaria, due anni di buoni mensa, per un totale di 12mila euro. Questo anche grazie al contributo di Federtrasporti e di un altro sponsor, che ha voluto restare anonimo. Una storia a lieto fine, quella che vede protagonisti dei camionisti e dei bambini. A lieto fine perché, come le migliori della favole, non era iniziata nel migliore dei modi. Era la fine della scorsa estate, quando il sindaco Gabrielli, aveva lanciato un appello, per riuscire a recuperare i soldi promessi alle famiglie. Subito aveva trovato la risposta della Federtrasporti, essendo lo stesso Gabrielli un ex camionista, nonchè titolare del Tar, ossia il Consorzio Trasportatori artigiani rodigini. Un paio di anni fa, il vulcanico sindaco, per far fronte allo spopolamento del paesino, aveva deciso di rendere gratuita la mensa ai bambini delle elementari. Era riuscito a trovare le risorse e l'estate scorsa aveva dato l'annuncio. Ma il destino a volte ci mette lo zampino: il 13 settembre 2019, sulla A13, si verifica un incidente molto grave e le forze dell'ordine hanno la necessità di un'area in cui ricoverare i mezzi di soccorso. Viene così aperto un parcheggio nella zona industriale della macroarea.

Trova in terra davanti alla banca mille euro in contanti e li riconsegna ai carabinieri

I camionisti, i rifiuti e la colletta
Una notte due camionisti ne approfittano per scaricare illegalmente 40 tonnellate di rifiuti. Spetta al sindaco risolvere questo grave problema: i soldi stanziati per la mensa gratuita, circa 25mila euro, devono essere utilizzati per lo smaltimento dei rifiuti. Ma come un favola che si rispetti ecco l'inaspettato lieto fine: Federtrasporti e il suo presidente Claudio Villa fanno partire una colletta tra le aziende associate, e riescono a recuperare la cifra necessaria per rimettere le cose a posto. «Alle famiglie abbiamo versato 12mila euro - spiega il vice sindaco Daniele Menon - Essendo i nuclei famigliari coinvolti 17, non sono stati assegnati tutti e 25mila euro. Siamo molto soddisfatti di essere riusciti a far avere questi soldi, proprio in prossimità della riapertura del nuovo anno scolastico».

Numero tenuto in ostaggio da Vodafone: compagnia telefonica condannata a risarcire

 

Ultimo aggiornamento: 2 Ottobre, 15:39 © RIPRODUZIONE RISERVATA