Scossa al sistema della sicurezza: arriva il taser per carabinieri, poliziotti e finanzieri

Domenica 29 Maggio 2022 di Francesco Campi
Un taser, "pistola" a impulsi elettrici

ROVIGO - Una scossa al sistema della sicurezza pubblica, una novità “elettrizzante”, attesa da tempo: dopo gli annunci del passato, ultimo dei quali quando ancora il ministero dell’Interno era Matteo Salvini, ora i taser per le forze dell’ordine polesane sono davvero in arrivo. Anche a Rovigo. A sottolinearlo è il sottosegretario all’Interno Nicola Molteni, leghista, che sottolinea come i nuovi strumenti saranno a disposizione di poliziotti, carabinieri rodigini a partire da lunedì: «La pistola a impulsi elettrici – spiega - sta progressivamente entrando nella dotazione effettiva di Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza in tutta Italia, con un cronoprogramma che va avanti dallo scorso 14 marzo a cadenza settimanale. Gli operatori della sicurezza, a cui verrà assegnato il taser, hanno seguito un iter formativo qualificante per l’utilizzo di questo strumento non letale, che è innanzitutto un mezzo di difesa a tutela della incolumità di chi è impegnato nei servizi di vigilanza e controllo del territorio. Donne e uomini in divisa attendevano questo strumento da molto tempo: siamo soddisfatti di aver offerto una risposta concreta ed efficace alle loro aspettative, nella consapevolezza che tutelare la loro incolumità è la precondizione per garantire sicurezza ai cittadini».

LA POLIZIA

Dalla Questura di Rovigo, in una nota, si ribadisce che da domani le armi ad impulsi elettrici diventano a tutti gli effetti «una dotazione di reparto per gli operatori deputati ai servizi di prevenzione generale e pronto intervento». Per ora, solo della Squadra volanti rodigina, mentre per i Commissariati di Adria e Porto Tolle e le specialità la dotazione arriverà successivamente. «Gli operatori dell’Upgsp abilitati all’uso – si precisa - hanno svolto un periodo di specifico addestramento predisposto dal Dipartimento di Pubblica Sicurezza che, oltre a prevedere la necessaria attività pratica, ha previsto anche nozioni giuridiche e mediche».
Al momento nessuno si sbilancia sul numero di taser che saranno effettivamente a disposizione delle forze dell’ordine polesane, già dal turno delle 7 di lunedì, in particolare degli equipaggi della Squadra volanti, del Nucleo operativo e Radiomobile di Rovigo e delle Fiamme Gialle impegnate nei servizi di pattuglia.
I taser è un dispositivo, simile ad una piccola pistola, ben visibile per il suo colore giallo scelto per dare un effetto di deterrenza, che spara due freccette collegate a due fili elettrici a molla attraverso i quali il soggetto colpito riceve una scarica di corrente che provoca contrazioni muscolari involontarie producendo una sorta di immobilità indotta per alcuni secondi.

IL SINDACATO

Un’arma della quale da tempo il segretario provinciale del Sap Fabio Ballestriero chiedeva la dotazione, «per poter agire nei mutati contesti operativi in condizioni di sicurezza e con efficacia, evitando soprattutto di dover utilizzare strumenti inadeguati come le armi o lo sfollagente». Recentemente anche il coordinatore provinciale del Sindacato unitario del lavoratori di Polizia locale di Rovigo Mirco Gennari, dopo l’aggressione che si è verificata alla pizzeria “Da Mimmo” di via Cavallotti ha fatto una richiesta analoga: «Consapevoli che ciò farà storcere il naso ai soliti benpensanti, crediamo non debba più nemmeno essere un tabù parlare di dotazione del taser per la Polizia locale e che ciò debba entrare nell’agenda politica, insieme alle necessarie azioni di modernizzazione del Corpo e valorizzazione dei suoi appartenenti». Per il momento, tuttavia, le polizie locali sono escluse dalla fornitura di questa strumentazione. E, per la verità, anche le dotazioni iniziali a polizia, carabinieri e finanza non sembrano essere al momento particolarmente cospicue».
 

 

Ultimo aggiornamento: 08:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci