Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Siccità. Casellati in Polesine: «Il granaio del Veneto, bisogna evitare che diventi il deserto economico»

Venerdì 5 Agosto 2022
Siccità. Casellati in Polesine: «Il granaio del Veneto, bisogna evitare che diventi il deserto economico»

ROVIGO - La presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, è in visita in Polesine, a Crespino (Rovigo), su invito di Confagricoltura, per prendere visione della drammatica situazione della coltivazioni dovuti alla siccità. «Se mancano il grano e il mais noi dobbiamo rivolgerci ad altre economie. La siccità oggi non è soltanto un problema sulle spalle degli agricoltori, è sulle spalle di tutte le famiglie che quando vanno al supermercato si trovano i prezzi degli alimentari aumentati di oltre il 10%; quindi noi dobbiamo assolutamente impedire che la siccità si trasformi in un deserto economico».

«Sono qui - ha detto la presidente di Palazzo Madama - per raccogliere l'allarme degli agricoltori, per toccare con mano i danni della siccità in questo territorio sempre stato fertile, un granaio del Veneto», ha aggiunto la presidente del Senato. «Lo Stato — ha sottolineato Casellati - ha il dovere di andare incontro a questa grave emergenza, non solo integrando il reddito che è mancato agli agricoltor, ma anche facendo un piano che investa su opere irrigue, sugli invasi e sul sistema di canalizzazione. Occorre che con queste misure si garantisca agli agricoltori che l'acqua ci sia sempre e non si debba dire che l'acqua deve arrivare dal cielo».

«Aver visto il Po in secca e vedere qui i campi di mais arsi dal sole è davvero un grande colpo al cuore - ha commentato -. E' chiaro che ci troviamo di fronte a grandi cambiamenti climatici e questo è uno degli effetti. Però occorre immediatamente correre ai ripari, non possiamo permetterci che gente che ha investito tanto con il lavoro quotidiano su questa terra perda tutto quello che ha fatto. Non vale solo per loro, vale per l'Italia. Qui i prodotti agricoli sono il nostro petrolio».

Video

Ultimo aggiornamento: 16:45 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci