"Tensioni" indaga il sesso degli adolescenti e l'identità di genere "liquida"

Sabato 2 Ottobre 2021 di Milena Dolcetto
Eva Vittoria Cammerino una delle ospiti ai dibattiti del festival "Tensioni"

ROVIGO - Entra nel vivo il festival di arti e sguardi sul presente Tensioni, a cura de La fabbrica dello zucchero. Il Censer di Rovigo in viale Porta Adige si anima oggi e domani con una girandola di dibattiti, performance artistiche, danza contemporanea, istallazioni, tutto sul tema “Geografia delle relazioni: identità e genere”. «È tre anni che indaghiamo su questo tema – spiega il coordinatore del festival Claudio Ronda – Abbiamo esplorato l’individuo nei suoi spostamenti come soggetto nomade, ci siamo interrogati sui rapporti intersoggettivi. Quest’anno abbiamo deciso che meritava una riflessione importante il tema dell’identità di genere nella sua nuova veste, sempre più “liquida”, che gli studiosi degli ultimi trent’anni hanno rielaborato, ridefinendo anche i rapporti tra genere, corpo, sessualità, soggetto e linguaggio. Un tema importante, delicato, che noi svilupperemo come sempre, più che per trovare risposte, per crescere con spunti di riflessione e domande utili ad interrogarci».

ADOLESCENZE FLUIDE

La sessualità vista dagli adolescenti, sarà il primo tema che aprirà il festival oggi alle 10, nello spazio teatrale al padiglione A del Censer. “Adolescenze fluide” è infatti il titolo del talk con Giuseppe Burgio pedagogista sociale dell’Università di Enna Kore, massimo esperto italiano di comportamento sessuale degli adolescenti. Interverranno gli studenti dei licei Celio-Roccati e Paleocapa di Rovigo.
Attesa la performance musicale dal vivo di Davide “Boosta” Dileo col live “Facile”, alle 21.30. Il tastierista torinese, co-fondatore dei Subsonica, ottimo Dj e conduttore radio-televisivo, torna in concerto esibendosi al piano in un mix di contemporanea del Novecento e reminiscenze pianistiche.

La danza, forse l’arte che più di altre, interpreta il corpo nelle sue declinazioni, sarà rappresentata con alcuni site specif di peso. L’essere umano è un respiro che danza come un fiore mosso dall’aria: è la poetica idea che sottende il progetto “Three airs” (ore 15 Teatro Spazio A), coreografia di Park Na Hoon Dance Company, compagnia coreana che si potrà vedere in streaming in diretta dal Teatro Kamagol di Busan in Corea del sud. E ancora “Loose dogs” (ore 18 Teatro Spazio A), danza e testi di Emanuela Serra e Balletto Civile - collettivo nomade di performers, dove il contemporaneo viene riletto in chiave spietata e poetica.

Altri importanti dibattiti seguiranno nel corso del festival: femminile e maschile nella rappresentazione politica, sociale e mediatica con Eva Vittoria Cammerino, Francesca Cavallo e Attilio Palmieri (ore 16.30 Sala Rigolin). Ma Tensioni è anche mostre e videoproiezioni, ideate da uno staff ben coordinato, dai tecnici alla segreteria sino ad arrivare al gruppo di lavoro di progettazione artistica. Tutti gli eventi del festival sono contrassegnati da un titolo, che è parte di una speciale mappa che segna le relazioni umane in cambiamento: cinture di insicurezza, nuove mappe, le rotte del linguaggio, trame di umanità. Info programma e prezzi: lafabbricadellozucchero.com. L’edicola di piazza Garibaldi è allestita per distribuire il programma ai visitatori. Per tutti green pass e mascherina. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA