Aldo D'Achille di San Bellino (1.100 abitanti) nel G8 dei sindaci del mondo

Mercoledì 15 Settembre 2021 di Daniela Malin
Il sindaco di San Bellino Aldo D'Achille
1

SAN BELLINO - Uno degli otto riconoscimenti pubblici del premio organizzato dalla filantropica City Mayors Foundation è andato al Comune di San Bellino e al suo sindaco, dal 2014, Aldo D’Achille. Un premio biennale ideato da World Mayor nel 2004 al quale aderiscono milioni di persone. I cittadini nominano e votano i sindaci che meritano di essere premiati.

Nel 2020 la pandemia Covid-19 è stata una grande sfida per città e sindaci in tutto il mondo e la World Mayor Project ha evidenziato coloro che si sono distinti nell’affrontarla oltre che cercare in un’amministrazione, potenzialità e progettualità nuove per le piccole realtà. «Non è una gara a premi» ha sempre affermato D’Achille; si tratta di un riconoscimento e ne spiega alcune delle motivazioni. Nella pandemia «ho cercato di rendere più vivibile e umana la chiusura forzata. Ho attivato insieme ai miei amministratori un concorso fotografico a domicilio, donato ad ogni famiglia fiori per abbellire terrazze e giardini, verdure per chi voleva creare un orto, distribuzione di generi alimentari a domicilio oltre alla messa a disposizione di una psicologa per il sostegno delle persone più fragili o che vivono da sole».

Ma il piccolo comune, poco più di 1100 abitanti è diventato anche il motore energetico e lavorativo, di traino per il Polesine; sempre più avanzato per ciò che riguarda l’innovazione e la qualità dei servizi, gli spazi per i cittadini, la cura del verde. D’Achille è uno dei fondatori del progetto, realizzato poi dalla Regione in tutto il Veneto di “Ridiamo un sorriso alla Pianura Padana” per la piantumazione di alberi donati gratuitamente alle famiglie. Nel giro di un anno è stato realizzato un parco di 8000 metri con relativa pista ciclabile.

«Bellezza e arredo urbano danno a tutto ciò che si guarda un valore aggiunto, sia come impatto visivo che come possibilità di sopravvivenza per molte specie. Per quanto riguarda la parte lavorativa ed economica la grande Amazon è vero che ha un impatto importante, ma con il dialogo sempre aperto c’è l’intenzione di trasformarlo in un elemento virtuoso a favore del territorio. Sono inoltre sostenitore della democrazia partecipata e ne prova l’inaugurazione della fontana del paese, ferma da 20 anni. Ho coinvolto e hanno aderito gli studenti dell’Itis Viola Marchesini di Rovigo che con la Vetreria dei F.lli Tomanin conosciuta a livello internazionale e altri volontari e sostenitori ne hanno fatto una bellezza unica. Ho valorizzato le eccellenze che spero che oltre a diventare attrazione per indurre le persone a scegliere di venire ad abitare a San Bellino».

San Bellino è tra i 130 comuni virtuosi d’Italia e D’Achille ne è il coordinatore regionale. “La connessione tra questi comuni è importante per veicolare progetti nuovi. Ho eliminato i pali dell’Enel e della Telecom per passare ai fili interrati. A ogni palo eliminato, un albero piantato. Ciò che è buono va preso a realizzato; vietato non copiare è un suggerimento che consiglio a tanti colleghi sindaci».

LA MOTIVAZIONE

La motivazione del premio recita «per aver servito la sua comunità con dedizione ed immaginazione» e per lo «straordinario senso etico, sindaco avanguardista, straordinaria visione civica e sociale, uomo di innata positività e gentilezza». Si è arrivati al risultato dopo una selezione che depennava città importanti fino ad arrivare tra i 31 sindaci finalisti. La proclamazione degli otto stati vincitori lo annovera dopo i sindaci di Rotterdam, di paesi di Francia, Syria, Turchia, Germania, Portogallo e Slovacchia . In rappresentanza dell’Italia c’è solo Aldo D’Achille .
 

Ultimo aggiornamento: 16:57 © RIPRODUZIONE RISERVATA