Rapine in stazione, denunciati 3 marocchini: divieto di ritorno a Rovigo

PER APPROFONDIRE: carabinieri, denunce, marocchini, rapine, stazione
La conferenza stampa dei carabinieri

di Francesco Campi

ROVIGO - Due rapine in stazione, 7 ottobre e 6 novembre, messe a segno da tre marocchini domiciliati a Rovigo ai danni di connazionali. Identificati come gli "inquilini abusivi" della casa abbandonata a Granzette protagonisti dell'episodio delle coltellate e dell'incendio, e denunciati dopo non semplici indagini perché le stesse vittime reticenti nel parlare.

Al primo, spintonato, portati via cellulare, sigarette e 20 euro. Rubato cellulare anche a un ferrarese che era in macchina e che pensavano li avesse filmati. La seconda, più violenta, con tanto di coltello a un 60enne che aveva 6mila euro in contanti perché doveva comprare un'automobile. Uno dei tre, già con precedenti, è stato rintracciato a Bologna dove era rimasto coinvolto in un incidente. Il pm Sabrina Duò aveva chiesto custodia in carcere, il gip Martinelli ha emesso il divieto di ritorno in provincia di Rovigo.

I dettagli nell'edizione di Rovigo de Il Gazzettino di venerdì 16 febbraio
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 15 Febbraio 2018, 12:35






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Rapine in stazione, denunciati 3 marocchini: divieto di ritorno a Rovigo
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 11 commenti presenti
2018-02-17 15:12:08
Ringraziate i governi di destra che per anni hanno fatto i loro interessi e non i vostri....hahahahaahahahahahahahaahahahahaha...ciao enrico..ciao...
2018-02-17 07:54:51
Questa si che è una punizione esemplare..
2018-02-16 12:16:07
chissà quanta paura con una pena così dura
2018-02-16 07:21:36
Ma io mi chiedo.....possibile che gli incapaci che ci amministrano non riescano a rispedirli nel loro miserabile paese???? ma e' così difficile caricarli su un volo e rimandarli dal suo re????
2018-02-15 20:55:43
Divieto di ritorno...con sculacciata di ammonimento spero! Con ogni evidenza la nostra magistratura continua a campare nella sua torre d'avorio protetta dalle scorte, indifferente a tutto.