Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Dal 2 giugno Deltablues festival: in cartellone anche Andrea Mingardi, Alex Britti e Joe Bastianich

Sabato 28 Maggio 2022 di Nicola Astolfi
Joe Bastianich e la sua band, Terza Classe, sarà a Rovigo l'8 luglio

ROVIGO - Tra rag time, honky tonk e il tema dei Flintstones ieri a Rovigo è stata già uno spettacolo la presentazione della 35. edizione del Deltablues con Max “Alligator” Lazzarin a suonare il piano sul prato del complesso degli Olivetani. La presenza del pianista è stata il lancio del primo dei 20 eventi in cartellone tra Rovigo, Adria, Lendinara, Loreo e Rosolina Mare. E ha confermato la denotazione molteplice del festival del Polesine: offrire musica di qualità (tutti i concerti tranne al Censer e la “Blues cruise” sono gratuiti), far conoscere il territorio e fare rete. Organizzato da Ente Rovigo Festival e Fondazione Rovigo Cultura, con l’importante sostegno della Fondazione Cariparo e i patrocini di Regione e Provincia, oltre che dei Comuni coinvolti, a questa edizione collaborano anche il Rovigo Jazz Club, i conservatori Venezze e Buzzolla, Caligola records, Cur, Slow food Rovigo, Osteria della Gioia, i main sponsor Coop Alleanza 3.0 e Fast Green Rete Energy, e poi Aqua e Assonautica Veneto-Emilia che apriranno la rassegna con l’appuntamento del 2 giugno, tra Rovigo e Fratta, a partire dall’escursione “Deltablues sul fiume di mezzo” lungo il Canalbianco: saranno protagonisti “a bordo” la cantante Judy Milani in duo con Simone Piva, e alle 21.30 al “Fuoco e fiamme braceria” in zona Interporto - dopo le visite al museo dei Grandi fiumi e al Museo archeologico di Fratta - Max Lazzarin and The Great Magicians.

GLI APPUNTAMENTI 

La seconda tappa del Deltablues 2022 sarà invece Adria, il 18 giugno alle 21, in piazza Cavour, con lo spettacolo “... E allora jazz” di Andrea Mingardi, preceduto dal sestetto Paul Ghetti’s kidnappers, formato da allievi del Buzzolla. Giovedì 23 giugno inizieranno gli appuntamenti a Rovigo. Tre saranno in piazzetta Annonaria, sempre dalle 21: il primo con la Memphis experience soul band guidata alla voce da Ilaria Mandruzzato. Poi il 30 giugno l’imperdibile omaggio a Ry Cooder di Sergio Polito and friends con ospite d’eccezione la leggenda del rock-blues europeo Paul Millns. Giovedì 7 luglio il doppio evento con le finali dell’Ibc e con Elli De Mon e il suo progetto “Countin’ The Blues: Queens of the 1920’s”. Prima del finale al Censer, però, il Deltablues avrà già raggiunto Lendinara, il 24 giugno, a villa Marchiori, per l’evento più blues della rassegna con la Gnola blues band e Paul Venturi nei panni di Colonel V. Tornerà invece da venerdì 1. luglio a domenica 3 Rock around the blues a Rosolina Mare (protagonisti Whells Fargo and The Nightingale, The Half Chickens, Dr. Bontempi’s Snake Oil Company), con l’anteprima a Loreo, domenica 26 giugno, con Vince and The Moon Boppers. Infine al Censer di Rovigo saliranno sul palco, venerdì 8 luglio, la Sari Schorr Band e Joe Bastianich and La Terza Classe (ingressi a 10 euro); sabato 9 The Sacromud Pugno Collective e la Alex Britti Band (15 euro); domenica (biglietti a 10 euro) il tributo a Charles Mingus della Venezze Big Band, diretta da Massimo Morganti con Andy Sheppard, e l’evento con l’ottetto di Chicago Hypnotic Brass Ensemble. Biglietti in prevendita su www.diyticket.it.
 

Ultimo aggiornamento: 17:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci