Pesca e acquacoltura, arriva il bonus anti-Covid messo a disposizione dalla Regione

Venerdì 11 Settembre 2020
Pesca e acquacoltura hanno bisogno di sostegni dopo il lockdown
ROVIGO - Da martedì 15 settembre le aziende del settore ittico potranno richiedere i finanziamenti di aiuto per la liquidità e la continuità dell'attività. La modalità prevista è per via telematica e il bonus potrà ammontare fino a 120 mila euro per azienda, in base al numero di imbarcazioni e di operatori.

Pesca e acquacoltura sono le punte di diamante dell’economia del Delta del Po. Il ‘bonus’ anti-Covid rappresenta per la flotta dei pescherecci veneti, i centri ittici e le imprese dell’acquacoltura un ulteriore sostegno in questa fase emergenziale.

La Regione ha investito oltre 45 milioni di euro a favore del comparto ittico, coordinando i diversi strumenti disponibili, dai bandi comunitari ai fondi per la salvaguardia dell’assetto idrografico, a quelli di ristoro per le grandi calamità ed emergenze. Un impegno economico, organizzativo e progettuale costante, che trova riscontro nei numeri della marineria veneta, prima in Italia per numero di imbarcazioni. Fondamentale è la connessione tra pesca, agroalimentare e turismo, con l’impegno degli operatori del comparto ittico per la sostenibilità e la conservazione delle risorse biologiche marine, la sicurezza alimentare, la salvaguardia dei territori costieri e il rapporto corretto dell’uomo con l’ambiente.

  © RIPRODUZIONE RISERVATA