Spesa e risparmio, Polesine in cima alla classifica di Altroconsumo

Mercoledì 22 Settembre 2021 di Elisa Barion
Il Supermercato Rossetto a Santa Maria Maddalena - frazione di Occhiobello

ROVIGO Fare la spesa in provincia di Rovigo fa risparmiare più che altrove in Italia. Il primato per la spesa alimentare più conveniente a livello nazionale se lo aggiudica, infatti, il supermercato Rossetto di Santa Maria Maddalena, frazione di Occhiobello. Il dato emerge dallo studio annuale condotto da Altroconsumo, la più grande organizzazione indipendente di consumatori in Italia. L’inchiesta è stata realizzata per individuare le insegne più convenienti sul suolo nazionale e identificare i punti vendita più economici nelle diverse città. Per realizzare lo studio l’associazione di consumatori ha comparato una grande mole di dati, come spiega la stessa Altroconsumo nella propria pubblicazione: «Settanta città, 1.148 punti vendita tra supermercati, ipermercati e discount, oltre 1,6 milioni di prezzi rilevati per 125 categorie di prodotti, tra alimentari, per la cura della persona, della casa e pet food: sono i numeri dell’edizione 2021 della nostra inchiesta sulla grande distribuzione; un’indagine che ci permette di indicare il supermercato più economico visitato per ognuna delle città e di stilare anche quattro classifiche nazionali per catena e tipo di spesa (con prodotti di marca, a marchio commerciale, prodotti più economici e mista)». 
MONITORAGGIO NAZIONALE
Secondo l’inchiesta, in particolare, «cambiare insegna o punto vendita permette di risparmiare fino a 1.700 euro all’anno» in media per le famiglie italiane «sia passando alla catena di discount più conveniente per una spesa con i prodotti più economici (Aldi), sia scegliendo, invece del più caro, il supermercato più conveniente in città» che è, appunto, il Super Rossetto, in provincia di Rovigo. Nello studio si evidenzia, inoltre, che «purtroppo, non in tutti i 70 centri visitati si può risparmiare allo stesso modo e il divario tra Nord e Sud è evidente. Considerando la spesa media delle famiglie al supermercato, pari a 6.843 euro nel 2020 secondo i dati Istat, il risparmio massimo, nelle città più convenienti, può arrivare fino al 20% circa se si sceglie il punto vendita più economico invece di quello più caro: siamo, appunto, a 1.700 euro l’anno in provincia di Rovigo, 1.720 per la precisione, 1.523 euro a Reggio Emilia e Modena, 1.400 euro a Brescia e Ravenna». 
PROVINCE CONVENIENTI
Le province di Rovigo, Reggio Emilia e Modena sono le più convenienti per la spesa delle famiglie ma, in generale, tutto il Triveneto risulta una delle zone d’Italia con i negozi più economici, con 20 punti vendita nelle prime 30 posizioni. Altro dato che emerge chiaro dall’indagine è il divario tra il nord e il centro-sud. I numeri del risparmio indicati «stridono – scrive Altroconsumo - con i 100 euro circa di risparmio possibile (solo il 2%) nelle città dove non c’è concorrenza tra i supermercati visitati, tutte al Centro-Sud: Potenza, Pesaro, Pistoia, Sassari, Reggio Calabria, Foggia. In questi centri, anche cambiando supermercato, i prezzi restano sempre allo stesso livello e comunque piuttosto cari». 
Il marchio Rossetto la fa da padrone anche sul piano dei punti vendita più convenienti: «Due suoi negozi (in provincia di Rovigo e Brescia), insieme a un punto vendita Emisfero (Vicenza), sono i più convenienti dell’inchiesta». Se il Super Rossetto di Santa Maria Maddalena si attesta come il punto vendita più conveniente d’Italia, vale la pena evidenziare il dato che emerge dal confronto con gli store individuati dall’indagine come più costosi: due Sigma (Bologna e Ravenna), tre Elite e Doc di Roma e un Unes di Pavia, in cui si registra un aumento di prezzo del 33% rispetto al supermercato polesano. Infine, Eurospin è il discount più conveniente per la spesa mista, Aldi per quella economica.
 

Ultimo aggiornamento: 08:27 © RIPRODUZIONE RISERVATA