Auto nel mirino dei vandali a Occhiobello, caccia a chi “riga” le fiancate

Martedì 11 Febbraio 2020 di Alessandro Garbo
Un'auto danneggiata con una
1
OCCHIOBELLO - Macchine rigate e rifiuti abbandonati a Occhiobello e nella frazione di Santa Maria Maddalena. I residenti si sfogano, invocano maggiori controlli delle forze dell’ordine e chiedono che, in alcune vie del territorio comunale, vengano installate telecamere per la videosorveglianza. È furiosa Susy Rossin, una dei residenti: «In corso Berlinguer alcuni idioti continuano a rigare le macchine». Parole forti, ma la gente è esasperata perché questa situazione va avanti da settimane. 

«Mi è stata rigata la macchina, stavolta il lato sinistro fino al fanale, il mese scorso la parte destra». Ci sono già alcuni sospetti e, in particolare, è stata notata una donna che si è avvicinata con troppa insistenza alle vetture parcheggiate in corso Berlinguer. La residente incassa la solidarietà di una vicina di casa, la speranza è che i trasgressori vengano puniti e paghino una multa salata. 

SORVEGLIANZA
I cittadini ora puntano sul gioco di squadra: alcune residenti della via pensano di dotarsi di un sistema di videosorveglianza, con telecamere pronte a controllare anche l’esterno dell’abitazione. I filmati verranno poi girati alle autorità competenti, che potranno intervenire e andare, a colpo sicuro, a rintracciare l’autore del gesto.
L’obiettivo sarà incastrare chi si diverte a rigare le macchine, in alcuni casi modelli di grossa cilindrata, acquistati da poco e con ingenti sacrifici economici. 

Sull’argomento interviene il sindaco Sondra Coizzi: «In municipio non sono arrivate segnalazioni, ma so che i carabinieri stanno sorvegliando la zona con molta attenzione. Mi auguro che la persona che si diverte a fare queste cose possa essere punita per questi episodi spiacevoli e che, purtroppo, si ripetono con una certa regolarità», ha affermato Coizzi. Non solo macchine rigate, un cittadino coglie l’occasione per segnalare un altro problema sempre più frequente: le immondizie abbandonate. E prova a ironizzare: «Aperta ufficialmente la succursale dell’isola ecologica comunale. Molto più comoda di quella principale: aperta ventiquattro ore su ventiquattro, accesso diretto dal parcheggio del supermercato Rossetto, a Santa Maria, senza bisogno di esibire alcun documento», annota Matteo Pecorelli. Ma c’è poco da ridere, Occhiobello deve fermare gli eco-vandali. Le immondizie gettate ovunque senza rispetto per chi , sono un pessimo biglietto da visita per la città.  Ultimo aggiornamento: 08:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA