Multe e denunce, pugno di ferro contro i giovani che deturpano la Rotonda

Venerdì 10 Luglio 2020
Un paracarro divelto nella notte nel piazzale della chiese della Rotonda a Rovigo
ROVIGO - Cinquanta euro di multa per il 18enne che il 18 giugno si era arrampicato scavalcando la balaustra del porticato della Rotonda, la chiesa di piazza XX Settembre alla quale un'ordinanza del sindaco vieta l'accesso in orario di chiusura al pubblico compresa la sosta nel porticato stesso. Inoltre è stato identificato anche il minorenne che nella serata del 30 maggio era stato ripreso dalle telecamere di sicurezza mentre espletava i propri bisogni fisiologici in questo luogo simbolo della città. Ai genitori del minore è stata notificata una sanzione amministrativa per il reato di “atti contrari alla pubblica decenza in luogo pubblico”, previsto dall’art. 726 del Codice penale, commessa dal loro figlio. E' il bilancio dei carabinieri del Comando compagnia di Rovigo che, rispondendo alle molte segnalazioni che giungono da parte dei residenti della piazza XX Settembre e del “Sindacato del Tempio della Rotonda” stanno operando un'attività di vigilanza e controllo nei pressi dei principali monumenti e simboli che caratterizzano il capoluogo e in particolare la chiesa della “Beata Vergine del soccorso” detta “la Rotonda”, luogo di ritrovo di giovani che, in alcune circostanze, si sono resi protagonisti anche di atti di vandalismo. © RIPRODUZIONE RISERVATA