Legionella, va in ospedale per curarsi e viene attaccata dal batterio

PER APPROFONDIRE: donna, legionella, rovigo
foto di repertorio
ROViGO - Una donna di 60 anni è ricoverata nel reparto oncologico presso l'ospedale di Rovigo dopo che è risultato positiva al test antigene urinario per Legionella pneumophila. Il caso, rende noto l' Azienda sanitaria polesana (Ulss5), è stato riscontrato lunedì scorso, 10 settembre. La donna era entrata per curarsi da una grave malattia e lì è stata attaccata dal batterio.

Le condizioni cliniche del paziente - precisa l'Ulss5 - sono monitorate attentamente con l'adozione di tutte le terapie mediche e farmacologiche più attuali e incisive. Le strutture tecniche aziendali, responsabili dei controlli e manutenzione dell'Ospedale stanno effettuando una revisione accurata sullo stato dei sistemi di sicurezza per i pazienti, tese a ricostruire, se possibile, la fonte primaria del contagio della paziente, per effettuare l'eventuale revisione del piano per la sicurezza e la gestione dei rischi. 

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 12 Settembre 2018, 17:08






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Legionella, va in ospedale per curarsi e viene attaccata dal batterio
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2018-09-13 10:00:04
L'eccellenza della sanità veneta....hahahahahahhahahahahahahahhahah...ciao enrico..ciao.
2018-09-12 19:31:58
Un post durissimo, postato su Facebook da Matteo Salvini, dove il vicepremier leghista punta il dito: "Immigrato malato e in fuga, forse inconsapevole della gravità della sua condizione. Quanti casi come questo?". Il riferimento è a un caso di cronaca di cui ha dato conto ilgazzettino.it, relativo alla fuga di un immigrato malato di tubercolosi fuggito da un centro di accoglienza. E Salvini rincara: "Purtroppo la tubercolosi è tornata a diffondersi, gli italiani pagano i costi sociali e sanitari di anni di disastri e di invasione senza regole e senza controlli". Un tema sollevato da Libero nell'edizione di oggi, mercoledì 12 settembre, la cui apertura è dedicata all'aumento di caso di tbc. In Veneto, infatti, è allarme: solo a Vicenza sono stati registrati 40 casi di infezione dall'inizio dell'anno. Salvini, in conclusione del post, scrive: "Dicevano che eravamo cattivi, allarmisti, pericolosi... Ce l'ho messa e ce la metterò tutta per invertire la rotta".
2018-09-12 20:45:18
La legionella non si trasmette per via aerea da persona a persona ma la si ritrova generalmente negli impianti (grandi come quelli di uffici, ospedali, ecc,)di raffreddamento e riscaldamento. Quindi Salvini può dire quel che vuole. Forse è meglio che la gente si vaccini contro la TBC come ho fatto io quasi 55 anni fa, alle elementari!