Scuola e visite saltate per Covid: bambino isolato anche se ha 2 tamponi negativi

Giovedì 2 Dicembre 2021 di Marco Scarazzatti
Scuola e visite saltate per Covid: bambino isolato anche se ha 2 tamponi negativi
1

ROVIGO - Un bambino di 9 anni di Rovigo, è finito in quarantena, nonostante due tamponi negativi, a causa di un contatto con un suo coetaneo, risultato positivo, nel corso di un allenamento di basket, ma questo ha aperto una serie di difficoltà alle sue giornate. La vicenda inizia nella serata del 19 novembre quando si era svolto l'allenamento della squadra di basket giovanile che avrebbe dovuto giocare la domenica mattina.


L'ALLARME

Il sabato sera arriva a tutte le famiglie dei bambini che hanno preso parte all'allenamento, un messaggio dalla società cestistica per avvisare che un bambino era risultato positivo, senza dire se si devovea o meno attivare l'isolamento precauzionale, che spetta al Sisp dell'Ulss 5. La domenica 21 sera, ossia più di 48 ore dopo l'allenamento, un bambino che era stato all'allenamento viene accompagnato dai genitori a fare un tampone rapido, il cui esito risulta essere negativo. Viene comunque messo in isolamento precauzionale e il lunedì non si reca a scuola, pur facendo però il pomeriggio una visita in ospedale prenotata sei mesi prima. Viene avvisato il Sisp attraverso una e-mail e questo contatta la famiglia il martedì, ordinando subito un tampone molecolare e affermando che in caso di esito negativo, il bambino poteva tornare a scuola. Il mercoledì viene comunicato l'esito del tampone, che come quello rapido, risulta essere negativo. Il Sisp, però, a differenza di quanto affermato al telefono, precisa che il bambino doveva restare in isolamento fino a ieri, nonostante stia bene e soprattutto i tamponi siano negativi. Questo non solo comporta la perdita di lezioni di scuola, ma anche di altre visite prenotate diversi mesi prima. Oltre al fatto che ovviamente non può prendere parte agli allenamenti di basket e karate, sport che frequenta con costanza da qualche tempo. A questo punto Viene spedita un'altra e-mail al Sisp, che risponde poi con una telefonata di un medico, il quale abbona qualche giorno al bambino, facendolo restare a casa da scuola fino a lunedì scorso, anche se nel frattempo una delle visite in programma la scorsa settimana alla casa di cura Città di Rovigo, era stata rinviata entro la prima decade di dicembre, in quanto il Policlinico non accettava il bambino. Il medico del Sisp, però, sosteneva che avrebbe potuto andare alla visita.

LA RISPOSTA

«Essendo il Città di Rovigo una struttura privata, non ce la siamo sentiti di prenderci la responsabilità di accettare un bambino, che per quanto fosse risultato due volte negativo, era comunque in quarantena - afferma il direttore generale del policlinico, Stefano Mazzuccato - essendo una visita non di vitale importanza, è stato scelto di rinviarla di un paio di settimane». Lunedì la famiglia ha accompagnato nuovamente il bambino, questa volta alla cittadella dell'Ulss 5, avendo come responso il terzo esito negativo del tampone. Tanto l'amaro in bocca per la famiglia, visto che nonostante due tamponi negativi e nessun sintomo, il bambino è stato costretto in isolamento, tra l'altro non avendo avuto alcun contatto diretto con il compagno di allenamento, dato che i bambini avevano giocato tutti singolarmente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA