Incendio in via Conti, scoperchiata la palazzina e danni pesanti

Lunedì 6 Dicembre 2021 di Ilaria Bellucco
L'incendio a Lendinara

LENDINARA - Si contano i danni e i disagi all'indomani dello spaventoso incendio all'ultimo piano di una palazzina in via Conti, che ha lasciato temporaneamente senza casa tre famiglie e costringerà il Poliambulatorio Sant'Anna a restare chiuso per almeno due settimane. Le fiamme divampate all'alba di sabato mattina in una stanza della mansarda si sono subito estese agli altri vani dei tre appartamenti del palazzo e al tetto, provocando il crollo di parte della copertura. Tutti gli inquilini, che vi abitano in affitto, fortunatamente hanno evacuato il palazzo senza riportare ferite.

Ne è uscito salvo anche un gattino che si era rifugiato su un davanzale, impaurito, per cercare di respirare mentre il fumo invadeva le stanze. A salvarlo con un rapido intervento sono stati i Vigili del Fuoco, che come sempre non si sono risparmiati per arginare e poi estinguere le fiamme mettendo in sicurezza persone, animali e cose. Un vigile del fuoco è stato ferito a un braccio da un pezzo di legno caduto e un altro ha accusato un malore, per entrambi è stata necessaria assistenza medica. Gli alloggi, in parte scoperchiati e danneggiati da fuoco, acqua e detriti, sono ovviamente inutilizzabili per gli inquilini che vi abitano in affitto.

SENZA CASA

Tutti si sono ritrovati senza casa, con i pochi abiti ed effetti personali che hanno potuto prelevare rientrando per pochi minuti assistiti dai pompieri, con le difficoltà e lo sconforto che è facile immaginare. A loro il sindaco Luigi Viaro, a nome dell'Amministrazione, aveva subito espresso vicinanza e offerto la possibilità di pernottare in un B&B in caso di necessità. «Mi risuta che tutti si sono organizzati trovando ospitalità presso parenti o amici constata il sindaco Certamente il disagio per questi nostri concittadini è grande, il palazzo è in parte scoperchiato e la situazione non si risolverà in pochi giorni».


Fa i conti con perdite e disagi anche il Poliambulatorio Sant'Anna, collocato al piano terra della palazzina, non interessato direttamente dall'incendio ma dagli effetti collaterali delle operazioni di spegnimento. Un gran quantitativo d'acqua, infatti, ha allagato i locali e danneggiato i soffitti del centro che da anni è punto di riferimento per molti lendinaresi per esami di laboratorio e visite specialistiche. Il dottor Antonio Gandolfi, titolare e direttore sanitario, sabato pomeriggio ha potuto entrare nei locali per constatarne le condizioni.

POLIAMBULATORIO CHIUSO

«Purtroppo i danni subiti ci obbligheranno a una chiusura di almeno 15 giorni dice - Speriamo che le imprese impegnate nella realizzazione della sede nuova ci diano, come promesso, una mano ad anticipare la data del trasferimento». Il Poliambulatorio ha infatti in programma il trasferimento in zona industriale, alle porte di Lendinara, in una nuova sede per la quale sono in corso i lavori. «Il pensiero va a chi ha perso la casa con i suoi effetti personali prosegue - Ringrazio per le manifestazioni di solidarietà e faccio serenamente affidamento sul gruppo di collaboratori e di professionisti che mi affiancano. Come dicono loro, torneremo a breve più forti di prima».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA