Colpito in testa dalla carrucola che cede dal sostegno: muratore in fin di vita

Sabato 9 Novembre 2019
Il condominio nel quale è avvenuto l'infortunio
1
ROVIGO - Grave incidente sul lavoro ieri mattina in un cantiere per la ristrutturazione di un appartamento in via Fuà Fusinato, con un operaio che si trova ricoverato in Rianimazione in prognosi riservata. Il puntello della carrucola, utilizzata per far salire alcuni sacchi di materiali edili fino al secondo piano, per i lavori in corso, ha infatti ceduto improvvisamente. E l’operaio che si trovava di sotto, con la fune in mano, si è accorto troppo tardi che tutto stava venendo giù.
OPERAIO VERONESE
E’ stata una questione di frazioni di secondo e l’uomo, un 52enne di origini marocchine, residente a Legnago, non ha fatto a tempo a spostarsi ed è stato colpito non dal carico che stava sollevando, ma proprio dalla carrucola e dal tubo di ferro che la teneva ancorata e che si è staccato venendo giù. Un colpo violento, arrivato da un’altezza elevata e contro il quale anche il caschetto che il 52enne sembrava indossasse ha potuto poco, tanto che le lesioni riportate sono apparse subito gravissime.  
RISTRUTTURAZIONE
Erano circa le 11.30 di ieri e l’appartamento dove gli operai stavano lavorando si trova nel condominio di via Fuà Fusinato sul lato opposto rispetto al Centro attività motorie e alla carrozzeria. In tanti si sono accorti del grave incidente e l’allarme è stato immediato. Sul posto insieme all’ambulanza e al medico del Suem sono accorsi a gran velocità anche una volante della polizia e i tecnici dello Spisal, il Servizio prevenzione igiene e sicurezza a negli ambienti di lavoro dell’Ulss 5 Polesana. Proprio lo scorso 25 ottobre, fra l’altro, i tecnici della prevenzione di tutto il Veneto hanno scioperato per manifestare contro «la risposta insufficiente all’aumento costante degli infortuni sul lavoro in Veneto» e, in particolare, sulle gravi carenze degli organici.
L’INCHIESTA
Su disposizione del pubblico ministero di turno, il sostituto procuratore Maria Giulia Rizzo, è stato disposto il sequestro della carrucola e del tubo metallico. L’esatta dinamica dell’incidente e le cause e le eventuali responsabilità sono ancora al vaglio degli inquirenti, che hanno raccolto anche le sommarie informazioni testimoniali da quanti si trovavano lì nel momento in cui si è verificato l’incidente. Dai primi accertamenti non sembrerebbero essere emerse irregolarità sia sul fronte del lavoratore che dell’impresa edile, specializzata proprio nei lavori di piccola edilizia per conservare, rimodernare, ristrutturare, restaurare o rifinire, compresa l’assistenza fiscale e amministrativa, che è presenta anche sulla piattaforma Consip per la fornitura di beni e servizi alla Pubblica amministrazione. Il 52enne, del quale almeno in un primo momento non sembrano essere stati rintracciati parenti in Italia, versa in condizioni decisamente gravi, tanto da far temere per la sua vita. Quando sono accorsi i sanitari del Suem, visto il quadro clinico di estrema gravità dell’operaio, hanno provveduto alle manovre rianimatorie, intubandolo prima di trasportarlo in ospedale a sirene spiegate. Ultimo aggiornamento: 08:03 © RIPRODUZIONE RISERVATA