Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

La pista ciclabile di Grignano arriva a primavera

Giovedì 22 Settembre 2022 di Elisa Barion
La pista ciclabile di Grignano arriva a primavera

ROVIGO - La pista ciclabile che collegherà Rovigo alla frazione di Grignano Polesine è stata, fino a questo momento, un progetto fantasma. Se ne parla da almeno 15 anni, ma non se ne è vista l'ombra. Forse proprio perché di concreto finora si è visto poco o nulla, il tema è in grado di scaldare gli animi dei residenti della frazione che lo aspettano. A quanto pare, infatti, martedì scorso, in occasione dell'incontro serale tra la giunta e i consiglieri comunali con i cittadini di Grignano, terza tappa del tour dell'amministrazione nelle frazioni e nei quartieri, alcuni tra i presenti hanno alzato i toni proprio sulla nuova pista ciclabile. La discussione si è animata, in particolare, non tanto nei confronti degli esponenti dell'amministrazione presenti, quanto tra i residenti stessi. E il nodo del contendere pare sia stata la collocazione del tracciato per le due ruote: da una parte chi lo vorrebbe vedere realizzato adiacente a via Forlanini, la lunga arteria stradale che dalla circonvallazione ovest, passando per Grignano, si collega direttamente a Villamarzana, dall'altra chi lo vuole dove è sempre stato detto che sarà realizzato, ovvero lungo via Dosso Faiti, secondo un tracciato che si collegherà a via Vittorio Veneto, nel quartiere Tassina.


LA DECISIONE
A sgombrare il campo da qualsiasi dubbio o ipotesi alternativa, interviene l'assessore Giuseppe Favaretto, alla guida del settore Lavori pubblici, che stronca qualsiasi ipotesi alternativa. «Il percorso ciclabile scelto per Grignano è lungo via Dosso Faiti. Via Forlanini non è individuata nel Biciplan» afferma senza mezzi termini, chiamando in causa il Piano per la realizzazione dei percorsi ciclabili per l'incremento della mobilità sostenibile nel territorio comunale, adottato dalla giunta lo scorso marzo, ovvero lo strumento che pianifica i percorsi ciclabili della città e delle sue frazioni su tutto il territorio comunale. Favaretto spiega anche perché l'ipotesi su via Forlanini non sia percorribile. «Il tracciato comporterebbe delle importanti interferenze con i corsi d'acqua consortili presenti sul territorio della frazione e la realizzazione, di conseguenza, di un paio di ponti di attraversamento, nonché numerosi espropri da eseguire per avere la disponibilità dell'area su cui realizzare il percorso».


IL PERCORSO
Il tracciato su via Dosso Foaiti, invece, oltre a presentare un numero minore di ostacoli, risulta più funzionale. «Arriverà a via Vittorio Veneto da una parte collegando la Tassina a via Pertini, inoltre si diramerà verso Borsea». Ecco, gli ostacoli. Lungo via Dosso Faiti ce n'è uno solo ed è la realizzazione di un sottopasso ferroviario per l'attraversamento dei binari che tagliano in due la strada stessa. È questo il nodo che ha allungato a dismisura i tempi della proposta progettuale fino a oggi. Nodo che come annuncia Favaretto, è stato superato spianando la strada al progetto. «Da Rfi abbiamo già ottenuto l'approvazione del tracciato lungo il sottopasso ferroviario e questa mattina (ieri, ndr) sono stati fatti i primi sopralluoghi per i rilievi con l'obiettivo di mettere in sicurezza l'elevato ferroviario con la posa di uno scatolare in calcestruzzo. Per la fine di ottobre puntiamo ad avere in mano il progetto esecutivo e nella prossima primavera ad avviare i lavori».
Per un primo stralcio dell'opera sono stati stanziati 500mila euro, ma il capitolo «va rimpinguato - rimarca Favaretto - con altre risorse per consentire la realizzazione di alcuni raccordi stradali e il passaggio, per pochi metri, in proprietà privata. Il tracciato che corre lungo via Dosso Faiti prevede anche un tratto tra Santa Rita e via Vittorio Veneto. La pista sarà disegnata sulla sede viaria e protetta rispetto all'area carrabile».
Sempre in tema di due ruote, Favaretto spiega che l'amministrazione ha assegnato l'incarico a un progettista esterno di preparare un piano di raccordi da realizzare tra le ciclabili esistenti, sempre sulla base delle priorità individuate nel Biciplan, che saranno realizzati grazie a un milione di euro ottenuti da fondi Pnrr che inizialmente l'amministrazione aveva pianificato di utilizzare per realizzare la ciclabile del polo natatorio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci