«Sei lenta a cucinare»: figlia punita
con l'acqua bollente della pentola

«Sei lenta a cucinare»: figlia punita con l'acqua bollente della pentola

di Francesco Campi

ROVIGO - Una pentola di acqua bollente rovesciata addosso alla figlia adolescente perché stava impiegando troppo tempo per cucinare quanto le era stato ordinato. Questo, fra l'altro, sarebbe solo uno dei tanti episodi che hanno portato ieri al rinvio a giudizio di un uomo di origine albanese, accusato di lesioni e maltrattamenti in famiglia. Insieme a lui è finita a processo anche la moglie, che deve rispondere solo dell'ipotesi di reato di maltrattamenti in concorso per le sue omissioni...
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 19 Ottobre 2016, 08:26






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Sei lenta a cucinare»: figlia punita
con l'acqua bollente della pentola
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 23 commenti presenti
2016-10-20 08:50:08
Sentito poco fa in TV, la Sig.ra Emma Bonino del Partito Radicale, dire che l' Italia ha bisogno di Un Milione e Seicentomila migranti all' anno, questo per compensare gli Italiani che non fanno figli, che se ne vanno, che muoiono...se queste sono le premesse siamo freschi, è in atto un ricambio radicale della Popolazione Italiana, gli effetti si vedranno fra 10/20 anni, chi vivrà vedrà....
2016-10-19 15:31:41
@Quelli che...: il problema è che nella maggior parte dei casi, non si conosce la vera nazionalità dei delinquenti che arrivano millantando lo status di rifugiati. I paesi di provenienza rifiutano il rimpatrio con la scusa che i delinquenti non sono loro cittadini. Nei pochi casi verificabili (cittadini Comunità Europea) intervengono norme cervellotiche che i soliti magistrati buonisti applicano sempre in favore del delinquente. Morale della favola: salvo rari casi, ce li dobbiamo tenere questi personaggi che rubano, ammazzano, violentano e, se messi in prigione, dobbiamo pure pagare per il loro mantenimento. Se questa è giustizia...
2016-10-19 15:26:41
In certi paesi il comportamento civile è un'utopia. Ho conosciuto un albanese che è stato un lavoratore efficientissimo ed onesto ed uno in Grecia,che diceva al padrone
2016-10-19 14:49:15
Uno dei tanti episodi in cui sono coinvolti soggetti albanesi o romeni , qualcuno dice che anche gli italiani commettono crimini ed è vero , ma noi siamo 60 milioni e gli albanesi poche centinaia di migliaia e sono sempre presenti nelle cronache quotidiane . Penso che i nostri politici dovrebbero farsi un giretto nei paesi di origine delle varie risorse presenti in Italia , tanto per capire le vere origini e abitudini di questa gente che arriva senza regole e rispetto per animali e persone , fino a quando aiutiamo chi ci odia non arriveremo mai a risultati positivi e lo vediamo tutti i giorni da anni , la conclusione è che non possono rimanere nel nostro territorio schegge impazzite di origine sconosciuta.
2016-10-19 14:00:29
Tutto a spese dell'ambasciata dell'Albania!