Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Scoperti con la cocaina da spacciare, in manette finiscono due marocchini

Lunedì 27 Giugno 2022 di F. Cam.
Droga e soldi sequestrati dai carabinieri ai due marocchini
1

LOREO -  Nuovo blitz antidroga a Loreo, dove i carabinieri sono riusciti a stroncare un giro di spaccio, sequestrando una quantità tutto sommato ridotta di cocaina (poco meno di 20 grammi), ma una quantità di contanti in banconote di ogni taglio, dai 10 ai 50 euro, pari a ben 15mila euro, che la dicono lunga su quale fosse il volume di affari dei due uomini di origini marocchine, 28enne e un 43enne, entrambi già noti alle forze dell’ordine. Nel corso della notte, infatti una pattuglia della Stazione di Loreo, in servizio per i consueti controlli del territorio, ha notato i due che si avvicinavano circospetti a un’auto, passando qualcosa all’uomo al suo interno. Un’azione fin troppo chiara, i militari sono così passati all’azione bloccando i due venditori e l’acquirente, nella cui auto è stata trovata una “pallina” incartata nel cellophane, una confezione con poco più di mezzo grammo di cocaina. Una singola dose, costata al conducente dell’auto che l’aveva appena comprata una segnalazione alla prefettura quale assuntore di stupefacenti, mentre al 28enne e al 43enne l’arresto in flagranza per spaccio. I carabinieri hanno provveduto anche a perquisire le abitazioni dei due spacciatori. In tutto sono saltati fuori poco più di 18 grammi di cocaina. Ma anche il “tesoro”, i 15mila euro che sono stati considerati, anche alla luce delle confuse spiegazioni dei due sulla provenienza del denaro, il guadagno dell’attività di spaccio. I due sono stati poi messi agli arresti domiciliari in attesa di rito direttissimo, che si è celebrato la mattina dopo e che ha portato alla convalida dell’arresto e all’emissione della misura del divieto di dimora in Polesine. I due sono così tornati a piede libero.

CONTROLLI EFFICACI 
I carabinieri di Loreo non sono nuovi a simili blitz antispaccio. Il 26 febbraio di un anno fa, in un controllo sul rispetto del coprifuoco, hanno arrestato un 28enne e un 26enne, anche loro di origini marocchine, residenti a Porto Viro, trovati con oltre 120 grammi di coca e circa 3mila euro in contanti. Nel dicembre precedente, invece, hanno beccato in flagranza due spacciatori, sempre marocchini, su cui i carabinieri stavano indagando da tempo. Nel 2020, anche l’arresto di un 33enne marocchino a Ca’ Negra, sorpreso a spacciare a un 18enne.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci