Covid-19, premio straordinario di 1200 euro a 56mila lavoratori della sanità

Lunedì 18 Maggio 2020
Una terapia intensiva di un ospedale veneto durante l'emergenza Coronavirus
3
VENEZIA - Un premio economico straordinario alle migliaia di lavoratori della sanità veneta che in questi mesi sono stati in prima linea nel contrasto all'emergenza covid-19: l'accordo è stato raggiunto oggi, secondo quanto annunciato dai sindacati confederali di categoria. «Abbiamo previsto di remunerare l'impegno del personale direttamente coinvolto nei reparti e nei servizi Covid nel periodo dell'emergenza - viene rilevato - ma anche di considerare coloro che, pur non operando in strutture Covid-dedicate, hanno fornito un supporto necessario e indispensabile a queste attività. Un premio di 1.200 euro ai lavoratori direttamente coinvolti, al quale si aggiungono indennità economiche contrattualmente previste, consentiranno di remunerare l'impegno che i lavoratori hanno avuto in questa fase. Soldi che i lavoratori vedranno in busta paga già nei mesi di giugno/luglio».

«In più abbiamo convenuto, una volta liquidati questi importi e con contezza di spesa sostenuta, di regolare a livello di singole aziende l'ulteriore identificazione e remunerazione del personale coinvolto a supporto delle attività Covid - si sottolinea -  Le somme a disposizione sono significative: 60.932.640 euro per i complessivi 56.501 lavoratori della sanità veneta». Nell'assegnazione del premio non si è voluto fare distinzione tra profili professionali. 
Ultimo aggiornamento: 19 Maggio, 13:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA