Coronavirus, via ai test a Trecenta: 350 campioni al giorno

Martedì 24 Marzo 2020 di Francesco Campi
controlli a Rovigo
ROVIGO - Da mezzogiorno di ieri anche l’Ulss Polesana ha iniziato ad analizzare i tamponi del test per valutare la positività al Coronavirus. È infatti entrata in funzione la macchina appositamente riconvertita nel laboratorio di Farmacologia e Biologia molecolare dell’ospedale San Luca. La giornata di ieri è stata una prova, ma da oggi, spiega il direttore generale dell’Ulss Antonio Compostella, «potremmo essere in grado di processare un’ottantina di tamponi e, poi attivando il ciclo su 24 ore, con attività ininterrotta e grazie alla continua presenza di tecnici, potremmo arrivare a circa 180-200 campioni al giorno. Non un numero altissimo, ma importante per noi che dipendiamo dal laboratorio Padova che sta ricevendo una miriade di richieste. Questo ci permetterebbe di lavorare non solo per casi sospetti più urgenti, che rimangono la priorità, ma anche per implementare e proseguire attività screening sul personale sanitario e delle case di cura, poi anche di farmacisti, forze dell’ordine e via via allargandosi».
I CONTROLLI
Il presidente della Regione Luca Zaia ha ribadito anche ieri che l’obiettivo è di allargare la rete dei tamponi. Oggi, poi, è attesa anche la consegna di un’ulteriore macchina per le analisi da utilizzare sempre nel laboratorio del San Luca: «Fa parte del lotto di macchine per test rapidi acquistate dalla Regione, può farne otto l’ora e anche qui dovremmo arrivare a leggere fra i 150-180 test al giorno. Una richiesta mi viene fatta spesso: il personale sanitario è sottoposto al tampone? Sì, abbiamo già eseguito molti tamponi e i risultati arrivati fino a oggi, circa 200, sono tutti negativi; è molto importante. Primo per i soggetti, gravati da un impegno fisico importante, ma anche dal peso psicologico dell’essere a contatto con persone positive o potenzialmente positive. Poi, è importante anche per l’operatività dell’azienda e perché indirettamente ci dice che le misure messe in atto su percorsi, precauzioni, distanze e sull’utilizzo mirato dei dispositivi di protezione individuale stanno dando i loro frutti. Ovviamente questa attività nei prossimi giorni registrerà un aumento, legato alla possibilità di processare i tamponi in loco».
VILLA TAMERICI
Compostella è intervenuto sulla casa di cura Villa Tamerici di Porto Viro: «Riguardo questa situazione, abbiamo avuto il riscontro della positività del medico che operava nella struttura venerdì. Era stato posto in isolamento già da mercoledì. Lo stesso giorno 20 abbiamo avvisato la struttura della positività, in modo che venissero poste in isolamento e informate persone a contatto con lui. Abbiamo cercato di ricostruire tutti i contatti e fin da venerdì abbiamo chiesto l’elenco di quanti potevano essere state in contatto, secondo la turnazione, con il medico risultato positivo; abbiamo avuto stamani ( ieri mattina, ndr) l’elenco completo, e ora inizieremo a eseguire il tampone sugli operatori».
F.Cam. Ultimo aggiornamento: 25 Marzo, 07:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci